Biella, ucciso a coltellate dal fidanzato della sorella dopo una lite: arrestato un pasticcere

Litigio violento scoppiato dentro un bar

Biella, ucciso a coltellate dal fidanzato della sorella dopo una lite: arrestato un pasticcere
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Agosto 2022, 14:51 - Ultimo aggiornamento: 19:29

Una coltellata in pieno addome non gli ha lasciato scampo. È morto così oggi, all'ora di pranzo, Andrea Maiolo, 30 anni di Biella, colpito in strada durante una lite nella sua città. Per il delitto la Polizia ha già fermato un uomo: Gregory Gucchio, 22 anni, legato alla sorella della vittima. Il delitto è maturato al culmine di una lite scoppiata all'interno di un bar pasticceria in viale Macallè a Biella, proprio di fronte allo stadio 'Pozzo Lamarmorà.

Inutili i tentativi di rianimare la vittima da parte dei sanitari del 118 giunti sul posto. Troppo profonda la ferita inferta. Stando alla ricostruzione degli investigatori, alle 13 all'interno del locale ci sarebbe stata una discussione tra Andrea Maiolo e la sorella. A prendere le difese della donna ci avrebbe pensato Gucchio, che lavora come pasticciere.​

La lite 

La lite è diventata sempre più violenta e il ventiduenne ha impugnato il coltello, probabilmente trovato nel locale, e ha sferrato un fendente. Un colpo secco proprio in piena pancia, che è stata fatale a Maiolo. Già nella giornata di sabato tra i due era scoppiata una lite, a dividerli erano intervenuti gli agenti della polizia locale. Entrambi erano stati medicati al pronto soccorso. Questa mattina la vittima è tornata al bar di famiglia ed è scoppiato l'ennesimo scontro. I toni si sono subito accesi fino al tragico epilogo. Subito sono stati chiamati i soccorsi. Sul posto sono giunti i sanitari del 118 che hanno tentato di rianimare il trentenne.

Le operazioni sono proseguite per diversi minuti, ma per la vittima non c'è stato nulla da fare. Il medico non ha potuto far altro che constatarne il decesso. Al momento dell'omicidio all'interno del locale non c'erano avventori, ma solo i gestori e i dipendenti che sono stati portati in questura per essere sentiti come testimoni. All'esame degli inquirenti anche le immagini registrate dal circuito interno del locale. La squadra mobile della questura di Biella ha effettuato per tutto il pomeriggio una serie di accertamenti all'interno del locale per ricostruire la dinamica di quanto successo. Ancora da chiarire i motivi del litigio. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Paola Francesca Ranieri e dal procuratore capo Teresa Angela Camelio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA