Napoli, manifesti con bestemmie invadono la città: bufera su Comune e «Festival della blasfemia»

Napoli, città tappezzata di manifesti con bestemmie: bufera su Comune e «Mostra della blasfemia»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 08:32 - Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 10:11

La città di Napoli si è risvegliata tappezzata di manifesti con messaggi blasfemi, imprecazioni e bestemmie. In giro per il centro del capoluogo partenopeo è possibile "ammirare" queste controverse affissioni, che abbinano frasi poco convenzionali a immagini che rievocano brand e loghi molto noti, come quello della Disney o la pubblicità del Crodino. I manifesti, opera di artisti che hanno esposto le proprie opere nella mostra «Ceci n'est pas un blasphème», festival delle arti «per la libertà d'espressione contro la censura religiosa» in corso al Palazzo delle Arti di Napoli dal 17 al 30 settembre. L'evento è patrocinato dal Comune di Napoli e i locali del primo piano del Pan sono stati concessi dall'Assessorato all'Istruzione, Cultura e Turismo in qualità di «co-promotore dell'iniziativa».

Ikram, la studentessa italo-marocchina in carcere a Casablanca per avere ironizzato sul Corano dicendo di bere whisky

Manifesti con bestemmie, l'assessore: «Abusivi, verranno rimossi»

All'Adnkronos, l'assessore Annamaria Palmieri, titolare delle deleghe, assicura: «I manifesti verranno rimossi perché sono abusivi, non li abbiamo autorizzati. Napoliservizi provvederà, come con tutte le affissioni abusive indipendentemente dal loro oggetto, a rimuoverle». Riguardo la mostra, Palmieri spiega che «è una mostra sulla libertà d'espressione e il Comune non ha mai censurato nessuno. Si tratta di contenuti forti, particolarmente provocatori e fortemente satirici, quindi - sottolinea - è stato prescritto che all'ingresso fosse posto un avviso con il quale si sconsiglia a un pubblico non adulto e consapevole». 

Il «Festival delle arti per la libertà d'espressione contro la censura religiosa»

«Alcuni dei subvertiser in mostra al Pan per "Ceci n'est pas un blasphéme" stanno lasciando a Napoli tracce della loro presenza. Si tratta di una loro spontanea e autonoma iniziativa, di cui so poco, se non quello che amici, conoscenti, utenti mi riferiscono mandandomi foto da Napoli». Lo scrive Emanuela Marmo, direttrice del «Festival delle arti per la libertà d'espressione contro la censura religiosa», in corso al Palazzo delle Arti di Napoli dal 17 al 30 settembre, sui manifesti apparsi nei giorni scorsi nelle strade di Napoli. «Va da sé - aggiunge Marmo - che l'Assessorato o l'Amministrazione comunale ne sappiano ancora meno. Trovo ridicolo e pretestuoso metterli in difficoltà su una circostanza che esclude in toto il loro coinvolgimento. I subvertiser non informano nessuno delle loro azioni, tanto meno chiedono il permesso: diversamente, la loro arte non si chiamerebbe subvertising».

In un post pubblicato sulla pagina Instagram del Festival, Marmo coglie l'occasione «per ringraziare gli artisti e per ricordare cos'è questa forma d'arte. Il subvertising "abusa", sabota e si riappropria creativamente degli spazi della pubblicità e della propaganda per restituire messaggi di protesta, di libertà, sovvertendo i concetti che abitualmente ci condizionano. E cultura, è pensiero critico offerto a tutti. Questi segni popolano le nostre strade senza cercare lucro, senza privatizzare la conoscenza. La contrarietà di alcuni cittadini - aggiunge - mi spinge a credere ancora più convintamente che le azioni di subvertising sono fondamentali. Questi stessi cittadini infatti accettano, assuefatti, i "normali" messaggi pubblicitari che inoculano un uso erotizzato del corpo femminile, che promuovono canoni estetici frustranti e irraggiungibili per persone comuni, che associano la bellezza al possesso di beni inutili, costosi, classisti. Ecco, a tutti questi messaggi diseducativi, privi di etica, questi cittadini non si oppongono. Ben venga il subvertising che ci risveglia dal torpore». conclude Emanuela Marmo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA