Treviglio, ragazza di 15 anni uccide la madre con una coltellata dopo una lite. La telefonata al 112: «Aiuto, ho fatto male alla mamma»

Bergamo, ragazza di 15 anni uccide la madre con una coltellata durante una lite in casa
3 Minuti di Lettura
Domenica 15 Agosto 2021, 08:22 - Ultimo aggiornamento: 15:00

Omicidio a Treviglio, in provincia di Bergamo. Una ragazza di 15 anni ha ucciso la madre con una coltellata durante una lite in casa. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di ieri. La donna, 43 anni, è morta poco dopo essere stata colpita alla schiena con un coltello da cucina. La ragazza è stata trovata in casa dai carabinieri.

San Severo, ucciso un pregiudicato con colpi di arma da fuoco. Ferito anche un bambino di 12 anni

 

La telefonata al 112: «Ho fatto del male alla mamma»

«Ho bisogno di aiuto, ho fatto del male alla mamma». Con queste parole ha chiesto aiuto al 112 la ragazzina che alle 22 di ieri a Treviglio ha ucciso in casa sua la mamma Manuela Guerini, di 43 anni, sferrandole una coltellata al petto. È stata la stessa ragazzina a chiamare i soccorritori: alla casa di via Bernardino Butinone sono arrivati i mezzi del 118, ma per la mamma, impiegata in uno studio di commercialista della città, non c'è stato nulla da fare. La quindicenne era in stato di choc: è stata sentita dai carabinieri con il supporto di un esperto e poi trasferita in una comunità protetta, come disposto dalla Procura dei minorenni di Brescia, competente anche per la Bergamasca. La notizia della morte della donna ha destato grande cordoglio a Treviglio, anche perché madre e figlia vivevano in pieno centro. In passato pare vi fossero già stati dei dissidi in casa, ma mai nulla che lasciasse presagire un epilogo così drammatico. Nel cortile di via Butinone dove vivevano mamma e figlia abitano anche altre 5 famiglie, ma nessuno si sarebbe accorto di nulla. «Questa è una notizia che colpisce profondamente tutta la comunità: un dramma familiare di fronte al quale non ci sono parole», ha detto il sindaco Juri Imeri.

 

Laura Ziliani morta, ipotesi choc: l'ex vigilessa uccisa in casa e portata in montagna

Uccide la madre con una coltellata

Il dramma si è consumato in una casa di via Bernardino Butinone attorno alle 22 di ieri sera: i carabinieri hanno sentito a lungo la ragazzina, assistita come previsto in questi casi da uno specialista, per ricostruire quanto avvenuto. Avrebbe già fatto qualche spontanea dichiarazione. All'origine del delitto una lite che sarebbe degenerata. L'appartamento è stato posto sotto sequestro dalla procura di Bergamo. Del caso è informata anche la Procura minorile di Brescia, competente anche per Bergamo.

Jake Davison, il killer di Plymouth e i video deliranti su YouTube: «Sono vergine e Terminator»

Nelle prossime ore l'autopsia

Pare che in casa vi fossero solo madre e figlia al momento della lite sfociata nel delitto. L'abitazione si trova in pieno centro a Treviglio e sul posto nella notte è giunto anche il sindaco Juri Imeri. Terminati i rilievi dei carabinieri del reparto scientifico di Bergamo, la salma della donna è stata trasferita all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove nelle prossime ore sarà sottoposta all'autopsia. Un fendente solo, sembra, sarebbe stato letale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA