Sala chiede scusa per il suo “Me ne ricorderò": «Con la Sardegna ho sbagliato, sono stato ruvido»

Lunedì 1 Giugno 2020
Sala chiede scusa per il suo “Me ne ricorderò

Alla fine è arrivata la retromarcia. «Non posso certamente provare sentimenti negativi verso la Sardegna. Il mio me ne ricorderò, comunque sbagliato nella forma, era rivolto alla politica sarda». Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha fatto il mea culpa per la frase rivolta al governatore della Sardegna che voleva sottoporre a test i turisti provenienti dalle Lombardia e da Milano. Sala ha postato su Instagram una foto della barca a vela che teneva, prima di venderla, proprio in Sardegna. «So di essere stato ruvido ma forse stavo anticipando un tema sentito dai cittadini» ha aggiunto.

Coronavirus, Zaia: «Test sierologico ai turisti? Impensabile. In Veneto solo 8 nuovi contagi»

De Magistris: «No a spostamenti da Lombardia e Piemonte». Sala contro chi chiede patente immunità

«Il punto centrale non è dove si fanno le vacanze - ha scritto Sala su Instagram -. Ma, molto semplicemente, penso che il sentirsi una sola comunità debba trovare conferma nei momenti positivi e in quelli difficili. E penso anche che la generosità e il senso di accoglienza di Milano non ci abbiano mai portato a fare alcun distinguo. Tutto qui».

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Quando oltre al lavoro nella mia vita esisteva anche il tempo libero, il mio massimo piacere era starmene sulla mia barca a vela. Poi l’ho venduta, ma negli ultimi anni l’ho sempre lasciata in Sardegna, prima alla Maddalena (come nella foto) e poi a Cagliari. Non posso certamente provare sentimenti negativi verso la Sardegna. Il mio “me ne ricorderò”, comunque sbagliato nella forma, era rivolto alla politica sarda. So di essere spesso ruvido. Ma forse stavo anticipando un tema sentito dai cittadini. E lo dico alla vigilia della Festa della Repubblica. Certo, il punto centrale non è dove si fanno le vacanze. Ma, molto semplicemente, penso che il sentirsi una sola comunità debba trovare conferma nei momenti positivi e in quelli difficili. E penso anche che la generosità e il senso di accoglienza di Milano non ci abbiano mai portato a fare alcun distinguo. Tutto qui.

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala) in data:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani