Benedetta, sfila in passerella (sulla sedia a rotelle) e lancia un messaggio: «Abbattete le barriere mentali»

Venerdì 15 Febbraio 2019 di Alix Amer

Benedetta De Luca, è una top model in carrozzina. Ma prima di tutto una combattente. Portatrice di messaggi positivi e pieni di speranza, per molti giovani un esempio di come la vita può riservarti sempre belle sorprese. Da poco si è laureata in giurisprudenza. È di Sala ConsilinaSalerno, e ha 30 anni. «Sono nata con un’agenesia del sacro, 18 interventi, gambe piccole, piene di cicatrici, due stampelle e una sedia a rotelle che aiutano a muovermi», racconta. «Quanto odio il termine, costretta sulla sedia a rotelle - dice con il suo inconfondibile sorriso - la sedia non è mia nemica, è grazie a lei se esploro il mondo, se vivo. Io credo che nulla accade per caso e, se sono nata così, è perché ho il dovere di trasmettere la mia grinta e il mio amore per la vita a chi si trova in una situazione simile alla mia». Non si è fermata mai davanti agli ostacoli, grazie anche al supporto della sua famiglia. Benedetta, capelli lunghi biondi, occhi grandi ha realizzato uno dei suoi sogni: fare la modella. Anche perché lei non a niente da invidiare a nessuno, la sua energia arriva dritta al cuore delle persone. E quando sfila, la sedia a rotelle è l’ultima cosa che noti. Tanti sono i suoi progetti. E c’è da scommettere che li realizzerà tutti. O almeno ci proverà. Una storia di gran coraggio la sua.

«Tutto ha inizio da quando ho incominciato ad amare il mio corpo, la mia statura bassa, le mie cicatrici - dice senza toppi giri di parole - Così mi guardo allo specchio e mi amo. Nutro il mio ego ogni mattina. Ho cercato di non far soffocare la mia femminilità dalla mia disabilità, ed anche se non potrò mai indossare un tacco 12, cerco di essere sensuale in altri mille modi: con lo sguardo, con la gestualità, con un profumo, con l’intelligenza e con l’ironia». E aggiunge: «Perché esiste ancora questo preconcetto che una persona disabile debba essere triste, trasandata e brutta? E così ho realizzato un mio sogno: abbattere le barriere mentali e pregiudizi, partecipando e organizzando diverse sfilate di moda con ragazze e ragazzi cercando di lanciare questo messaggio forte. Ho avuto un grande supporto dal Rotaract campus Salerno e dagli stilisti Antonio e Lucia». La disabilità dunque è un limite? «Lo è solo se la società lo rende tale. Solo se continueranno ad esistere barriere architettoniche e barriere mentali, solo se viene a mancare il senso civico, solo se un posto disabili verrà occupato senza pensarci, solo se si guarda una sedia a rotelle con pietismo o indifferenza. Altrimenti la disabilità può essere intesa come un valore aggiunto, una fonte di arricchimento interiore e una risorsa». Due giorni fa ha partecipato alla Masterclass di Chiara Ferragni, organizzata da Manuele Mameli. «È stato bello. Lei ha utilizzato il mio messaggio per aprire il suo evento. Ha detto che sono stata di grande ispirazione. Il messaggio ovviamente parlava di bellezza e disabilità, e di accettare i propri limiti e difetti e amarsi sempre». 
 

Ultimo aggiornamento: 20:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma