Bari, mancano termometro e farmaco salvavita, muore ragazza di 12 anni. Il Tribunale: «Risarcire la famiglia»

Mercoledì 16 Ottobre 2019
1
​Bari, mancano termometro e farmaco salvavita, muore ragazza di 12 anni. Il Tribunale: «Risarcire la famiglia»

Quando Zaraj Tatiana Coratella Gadaleta, 12 enne di Bari, il 19 settembre 2017 entrò in sala operatoria per sottoporsi a un intervento chirurgico di riduzione di una frattura al femore, mancavano il termometro e il farmaco salvavita. Questo era stato buttato via qualche settimana prima perchè scaduto. Anche per questi, gravi «deficit organizzativi dell'azienda» le condizioni cliniche della giovane si aggravarono tanto da causare un'ipertermia maligna che, alla fine, la portò alla morte.

LEGGI ANCHE Muore feto in grembo all'ospedale di Vibo Valentia

È questa la conclusione a cui è giunta la consulenza medico-legale depositata nei giorni scorsi e disposta dal Tribunale Civile di Bari nella causa per il risarcimento dei danni relativo alla morte della ragazza. Al momento, la madre e le due nonne della vittima sono in disaccordo sulla quantificazione con i vertici dell'Ospedale pediatrico Giovani XXIII, dove era stata ricoverata. 

LEGGI ANCHE «È broncopolmonite», e la dimettono: donna muore nell'atrio del reparto. Risarcimento milionario agli eredi

Nel parallelo procedimento penale per omicidio colposo, invece, l'anestesista Vito De Renzo ha chiesto il patteggiamento a 14 mesi mentre per il primario del reparto di Anestesia e Rianimazione, Leonardo Milella, il pm Bruna Manganelli sta valutando se chiedere il rinvio a giudizio.

LEGGI ANCHE Per i medici è intollerante al glutine, bimba di 18 mesi muore per un tumore al cervello

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma