Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bari, bimbo di 6 anni beve candeggina e muore in ospedale: la madre si lancia dal terzo piano e riporta traumi. Ora è indagata

Dramma in Puglia, il piccolo era in casa con la madre

Bari, bimbo di 6 anni beve candeggina e muore in ospedale dopo due mesi: aperta un'inchiesta
3 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Settembre 2022, 09:54 - Ultimo aggiornamento: 15:59

Non ce l'ha fatta il bimbo di 6 anni che lo scorso 18 luglio era stato portato in gravi condizioni all'ospedale di Bari dopo aver ingerito della candeggina, scambiata accidentalmente per acqua. Sulla sua morte, avvenuta sabato 17 settembre all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, ora la procura ha aperto un'inchiesta.

Dopo l'incidente la madre si era lanciata dal balcone 

Il tragico incidente è avvenuto alle 8 del mattino del 18 luglio scorso. Il bimbo era con la madre nell'abitazione  in Via Capitano di Castri, non lontano dal centro di Francavilla Fontana, quando avrebbe accidentalmente ingerito il detersivo invece dell'acqua. Dopo aver scoperto l'incidente la madre del piccolo aveva bevuto anche lei la varechina e si era lanciata dal balcone dell'abitazione al terzo piano riportando gravi traumi. La donna è ora indagata dalla Procura di Bari per omicidio colposo. Inizialmente ricoverata a Brindisi, la donna nelle settimane successive è stata trasferita in una clinica di Milano. La Procura di Bari, dopo aver aperto l'indagine in seguito all'esposto presentato dai familiari del bimbo dopo la sua morte, ha fissato per il 27 settembre l'autopsia. Anche la Procura di Brindisi in queste settimane ha aperto un'inchiesta per accertare l'intero contesto in cui sono avvenuti i fatti due mesi fa: tra i reati ipotizzati dai magistrati ci sono l'istigazione al suicidio e lo stalking. Sono stati sequestrati tre cellulari (due del padre e uno della madre del bimbo) ed è stato acquisito dagli investigatori anche un diario della madre del piccolo.

Colpito da un fulmine, poi il coma. Lorenzo Toni: «Ho rischiato di morire, ma torno sul Gran Sasso»

Un caso contorto

Anche la Procura di Brindisi si sta muovendo e ha disposto il sequestro della salma. Emerge inoltre che nei giorni scorsi la madre della donna lanciatasi dal balcone è stata ascoltata in procura, dove pende tuttora un'indagine per istigazione al suicidio e stalking. In questa direzione, ovviamente solo per accertare le possibilità oggetto d'indagine, sono stati sequestrati dagli investigatori su disposizione degli organi inquirenti tre smartphone: due di proprietà del padre del piccolo deceduto, uno di proprietà della madre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA