Bimbo ucciso a Napoli, la lenta agonia di Peppe

Mercoledì 30 Gennaio 2019 di Mary Liguori
10
Bimbo ucciso a Napoli, la lenta agonia di Peppe: la madre ha assistito al pestaggio

Giuseppe poteva essere salvato. La sua agonia potrebbe essere durata un paio d'ore. Con la mamma, e il patrigno, che avrebbero cercato di medicarlo. Istantanee dell'orrore dell'ultima domenica mattina di vita del bimbo di sei anni ucciso a bastonate dal compagno della mamma. Ma il quadro è forse ancor più tremendo. La mamma non solo era presente quando Tony Sessoubti ha picchiato due dei suoi tre figli, ma non ha fatto niente neanche quando il bambino ha perso i sensi ed è iniziata la sua lenta agonia.

Leggi anche: Bimbo ucciso a Cardito, il patrigno: «Ho perso la testa». Accertamenti sulla madre
Leggi anche: Bimbo ucciso a Napoli, il patrigno: «Ho perso la testa, Valentina ha cercato di fermarmi»
L'allarme dell'Ami: Violenze sui bambini, nel 20% dei casi il responsabile è il nuovo compagno della madre

Ci sono due momenti nella trama dell'orrore di Cardito sui quali i dubbi sono pochi e dentro i quali s'incastrano le responsabilità di Valentina Casa, la mamma del bambino, che ancora non ha un avvocato e quindi va considerata, al momento, non indagata. Quei due momenti li scandiscono la telefonata che Tony ha fatto a sua sorella, alle 10 di domenica, e l'arrivo della madre del 24enne a casa della coppia, alle 12.30.

 

 

Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 08:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma