Lodi, bambina disabile in classe: gli altri genitori non mandano i figli a scuola

Lodi, bambina disabile in classe: gli altri genitori non mandano i figli a scuola
2 Minuti di Lettura

In classe arriva una bambina disabile, i genitori tengono a casa i figli. Succede a Cornegliano Laudense (Lodi) sono stati tenuti a casa per un giorno da molti genitori per protesta contro le difficoltà che a loro avviso sarebbero provocate dalla presenza di una bambina disabile in classe.

Roma, botte su bimba disabile, indagata maestra di sostegno. I compagni di classe: «È cattiva»
Roma, perseguitata in aula dai bulli, 16enne disabile lascia la scuola: «Adesso divento chef»

L'episodio risale all'11 ottobre scorso ma è venuto alla luce solamente in queste ore, quando una comunicazione ufficiale è stata diramata dall'istituto in cui si richiama ai valori dell'inclusione e al principio costituzionale dell'universalità della scuola pubblica. Martedì la quasi totalità degli insegnanti del circolo hanno anche organizzato una manifestazione con striscioni in occasione di una riunione dei genitori convocata dalla dirigente Stefania Menin per affrontare la situazione. Il papà di un alunno ha fatto sapere che la protesta dei genitori, comunque, non sarebbe stata contro l'inserimento scolastico della bambina ma per risposte giudicate inadeguate o mancanti, da parte della scuola, a fronte di difficoltà lamentate per problemi di comportamento dell'alunna in classe.

Giovedì 31 Ottobre 2019, 15:30 - Ultimo aggiornamento: 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA