Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ballerino italiano bloccato a Kiev, è rientrato in Italia: «Non mi sembra vero»

Ballerino italiano bloccato a Kiev, è rientrato in Italia: «Non mi sembra vero»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Marzo 2022, 11:42 - Ultimo aggiornamento: 12:08

«Sono in Italia e presto sarò a casa e non mi sembra ancora vero. Sono incredulo e sono molto contento e ringrazio infinitamente l'Osservatorio anti molestie»: sono le prime parole del 19enne ballerino barese, Giordano Signorile, atterrato a Roma. Il video è stato pubblicato sulla pagina facebook di «Sos italiani bloccati all'estero». Il 19enne era rimasto bloccato a Kiev. Salvato mercoledì mattina da una operazione dell'intelligence italiana e della Farnesina, il ragazzo è stato prima portato in Moldavia, di lì in Romania e, questa mattina, è atterrato a Roma con un volo di linea.

Giordano Signorile è salvo: il ballerino era rimasto bloccato dalla guerra all'Accademia di danza di Kiev

La conferma del suo rientro è stato data dalla mamma  la quale spiega di averlo appreso dal gruppo Facebook Sos italiani bloccati all'estero, dove si vede il suo arrivo in un video, ma precisa di non avergli ancora parlato. Salvato mercoledì mattina da una operazione dell'intelligence italiana e della Farnesina, il ragazzo è stato prima portato in Moldavia dove il suo convoglio era stato respinto in più punti al confine con l'Ucraina. Poi dopo diverse ore  era riuscito a passare a Palanca.

Kiev, l'ambasciatore italiano Zazo porta in salvo 20 bambini: sede trasferita a Leopoli

Il 19enne viveva da cinque anni in Ucraina dove si era trasferito per coltivare il suo sogno: diventare un ballerino professionista e calcare i principali palcoscenici internazionali. Per questo si era iscritto, quando era appena adolescente, all'Accademia di danza di Kiev, dove si era rifugiato dal giorno dell'inizio dell'offensiva russa. Assieme ad altri due amici, un ragazzo e una ragazza di origini cinesi, si era nascosto nel garage interrato dell'Accademia durante i bombardamenti, nel quartiere Voskresenka, a circa 40 chilometri dal centro. Senza mezzi a disposizione, non ha potuto spostarsi per raggiungere l'ambasciata italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA