Avevano 1.200 auto intestate in tutta Europa: sei romeni le utilizzavano per furti e rapine

Giovedì 23 Maggio 2019
3
Avevano 1.200 auto intestate in tutta Europa: sei romeni le utilizzavano per furti e rapine

VENEZIA - I carabinieri di Venezia stanno sequestrando tra l'Italia e altri 9  Paesi di tutta l'Unione Europea ben 1.279 auto, per un valore complessivo di 13 milioni di euro, intestate a 6 prestanome di nazionalità romena e usate per compiere furti e altre attività illecite in tutta Europa. L'operazione è chiamata "abbraccio" dalla tecnica usata per derubare gli anziani. Il blitz è scattato anche in Romania, Spagna, Germania, Francia, Bulgaria, Austria, Svizzera, Ungheria e Polonia col supporto della polizia dei rispettivi Stati coinvolti. Il sequestro delle auto costituisce la prosecuzione di un'indagine nei confronti di un gruppo criminale composto da oltre 40 soggetti appartenenti a minoranza rom romena delle città di Fetesti e Tandarei, che ha consentito all'Arma di dare esecuzione a 10 ordinanze di custodia cautelare (8 persone in carcere, tra cui un ragazzo di 17 anni, uno agli arresti domiciliari, un divieto di dimora), emesse dai gip di Venezia e Verona, nonché del Tribunale per i minorenni di Venezia. 

Rom proprietario di 100 auto: le dava in affitto per le rapine, niente bollo né assicurazione 
 

Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di falsità in atti mediante induzione in errore del pubblico ufficiale. Sono inoltre accusati della commissione di vari reati, in particolare rapine e furti con destrezza ai danni perlopiù di anziani, con la sottrazione di preziosi e/o orologi di pregio (in gran parte Rolex), mediante la cosiddetta «tecnica dell'abbraccio». Alcuni degli arrestati sono stati localizzati e fermati negli ultimi giorni in Spagna e Inghilterra su mandato di arresto Europeo grazie anche alla collaborazione delle forze di polizia estere, attivate attraverso la cooperazione Europol. È stata accertata la responsabilità in 102 episodi commessi nelle regioni del centro-nord Italia e in Spagna. Gli indagati su quest'ultimo fronte sono accusati di concorso in rapina, furto con strappo, furto aggravato. 

Noleggia l'auto e poi la vende scatta la caccia al fantasma della truffa

GIRO D'AFFARI E’ stato stimato un giro di affari illecito di alcuni milioni di euro, spesso reinvestiti in Romania, mediante la ricettazione/riciclaggio dei preziosi e orologi, per la costruzione di lussuose ville e l’acquisto di potenti autovetture di pregio, che gli stessi esibivano in maniera senza alcun freno anche attraverso i social network. Sono tutt’ora in corso gli accertamenti finalizzati ad individuare i canali di ricettazione dei preziosi sottratti.

Ultimo aggiornamento: 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma