Lockdown, assemblee condominiali da incubo a sfogo sociale: è boom di richieste per terrazze e lavatoi

Lockdown, assemblee condominiali da incubo a sfogo sociale: è boom di richieste per terrazze e lavatoi
di Lorenzo De Cicco
4 Minuti di Lettura
Domenica 1 Novembre 2020, 07:22 - Ultimo aggiornamento: 09:39

Diceva Carmelo Bene che l'Italia è un condominio. E così in tempi di coprifuoco, di ristoranti serrati allo scoccare delle 18, di spritz ammainati causa Covid, ecco moltiplicarsi sulle terrazze o nei lavatoi più arieggiati perfino in qualche sala parrocchiale ceduta per faccende molto profane - le assemblee tra vicini, valide e frequentatissime addirittura in prima convocazione. «La verità è che per tanti è rimasto l'unico momento di socialità. Ce lo dicono proprio: lasciateci almeno l'assemblea», scherza (ma non troppo) Rossana De Angelis, la presidente romana dell'Anaci, l'associazione degli amministratori di condominio. «In base ai nostri dati aggiunge le richieste di assemblea sono aumentate del 50% nelle ultime due settimane. Si è cominciato sulla scia del coprifuoco a mezzanotte e ora, con i locali chiusi dalle 6 di sera, ecco una nuova ondata di convocazioni». Un'altra seconda ondata: toglietemi tutto ma non la disputa sui millesimi.

Lockdown: Milano, Napoli e Torino verso la chiusura. E stretta sui negozi


«In un palazzo di via del Gazometro un signore si è presentato con pasticcini e aperitivo», racconta Francesco Pellicanò, 55 anni, amministratore di palazzi tra Testaccio e l'Ostiense. I problemi, dice, sono soprattutto legati agli spazi. «Nei condomini grandi, dove abitano 50-60 famiglie, le assemblee fisiche, come si dice oggi in presenza, non si possono fare. Bisognerebbe affittare un teatro». Ci si arrangia fra terrazze e lavatoi, si riscoprono i cortili. Oppure ci si rivolge al parroco, magari chiedendo la riconversione di un campetto di calcio a 5, giusto il tempo di un confronto sul contabilizzatore della caldaia.

Lockdown, a scuola ipotesi Dad dalla terza media in poi: la volontà di aprire si scontra con la realtà

Lockdown Covid, maxi-zone rosse in 4 Regioni, ipotesi stop agli spostamenti


L'INCENTIVO
Molti condòmini agognano il superbonus, c'è un po' la corsa alla detrazione, al 110% che corre di bocca in bocca e per cui è necessaria la delibera condominiale. Ma, rimarca De Angelis dell'Anaci, «il superbonus scade alla fine del 2021, c'è tempo, non c'è motivo di affannarsi. Non può essere solo questa la ragione». Sembra prevalere, in tanti casi, più il desiderio del raduno fra dirimpettai, la rassicurante routine della disputa di pianerottolo, anche se c'è il rischio dell'affollamento. Spesso si discutono questioni, come dire, non di primaria importanza, in tempi pandemici. «Futili», dice Manuela Sammarco, amministratrice di Centocelle. «O sicuramente rimandabili». Esempio: il portiere non spazza con troppa lena, urge convocazione. Ci si distribuisce nelle terrazze o nel locale lavatoio. «Oggi si può ancora fare ragiona Sammarco - il tempo regge. Ma immaginiamoci la stessa scena solo fra un paio di settimane, con la pioggia, magari al buio perché in questi locali spesso non c'è l'illuminazione. Diventerebbe una prova di sopravvivenza».

Italia in lockdown? Dal jogging agli spostamenti e al parrucchiere, ecco cosa potremo fare (e cosa no)

Lockdown a Milano più vicino, pressing dei virologi: «Situazione preoccupante, state a casa il più possibile»


Si potrebbe ovviare al problema trasmigrando le assemblee su Zoom o Google Hangouts. Perfino l'Assemblea capitolina, da mesi, delibera in videochat. Per l'assemblea condominiale, invece, la via telematica è più ostica di quanto ci si aspetterebbe. «Serve il preventivo consenso di tutti i condomini, una specie di mission impossible», lamenta la presidente dell'associazione romana degli amministratori. «Nei palazzi abitati perlopiù da ragazzi è facile, si convincono subito, sono già abituati», racconta Marino Di Paolo, amministratore in zona Eur. Altrove invece ci si divide. C'è chi getta la spugna e chi invece insiste pervicacemente: hasta l'assemblea siempre. «Se diciamo di no - conclude Pellicanò - ci mandano la raccomandata». Entro 10 giorni l'assemblea s'ha da fare. L'innesco perfetto per un raduno condominiale, si litiga ancora prima di cominciare.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA