Molise e camorra: 27 arresti per droga e riciclaggio, coinvolte imprese del pellet

Mercoledì 20 Maggio 2020
Molise e camorra: 27 arresti per droga e riciclaggio, coinvolte imprese del pellet

Vasta operazione della Guardia di Finanza e dei Carabinieri in Molise. Dalle prime luci dell'alba, 250 tra carabinieri e finanzieri, con unità cinofile ed elicotteri, sono impegnati nell'esecuzione di 39 misure cautelari personali e sequestri di beni, disponibilità e quote societarie per oltre un milione di euro, nei confronti di componenti di associazioni a delinquere per stupefacenti, con arresto anche di esponenti della criminalità organizzata di stampo mafioso. Interessate, oltre la regione Molise, anche la Campania, la Puglia, e la Calabria.

Roma, sequestrati per riciclaggio i bar Katané che fornivano catering al Grande Fratello vip

Le indagini sono durate due anni e hanno portato in tutto a 20 custodie cautelari in carcere, 7 agli arresti domiciliari, 6 divieti di dimora in Molise e in Campania, un obbligo di dimora a Campobasso e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Durante l'operazione sono state accertate ben 2500 scambi di droga. Sono stati sequestrati 400 grammi di cocaina, 70 grammi di eroina e tre kg di hashish. In tutto sono state denunciate 58 persone. C'è anche un mandato di arresto europeo nei confronti di un cittadino rumeno attualmente residente in Germania.

Scovati 101 boss della 'ndrangheta con il reddito di cittadinanza

Gli investigatori sono partiti da Campobasso e dai tentativi di infiltrazione nell'economia locale da parte della criminalità organizzata. Sono stati individuati tre sodalizi impegnati nel traffico di sostanze stupefacenti: eroina, cocaina e hashish destinati al territorio della provincia di Campobasso e al riciclaggio di denaro di provenienza illecita. In particolari i proventi dello spaccio commesso anche in Campania, a Pomigliano D'Arco e a Castello di Cisterna, sono finiti all'interno di due imprese molisane che commercializzano pellet e che grazie all'immissione di questa liquidità illecita hanno potuto vendere il combustibile domestico a prezzi molto bassi, fuori mercato. In pratica erano diventati monopolisti assoluti del settore.

Roma, sequestrati bar e ristoranti per un valore di 5 milioni: anche l'ex "Caffè dell'orologio" a piazzale Flaminio

C'erano due associazioni dedicate alla droga: la prima di sette persone con base a Bojano, in un'abitazione in aperta campagna, e la seconda  di dieci persone che era attiva nella gestione del night club Luxuria, nel comune di San Massimo, che era un centro di smercio di sostanze tra i clienti. Le due associazioni erano operative a Campobasso ma anche in tutto il Matesino, area geografica corrispondente al massiccio del Matese, catena montuosa dell'Appennino sannita, che comprende Molise e Campania. 

La terza associazione era in Campania, di estrazione camorristica e guidata da un pregiudicato campano appartenente al clan Rega. Di fatto era il sodalizio che faceva da canale di rifornimento della droga. L'uomo aveva costituito due società dove far confluire i proventi dello spaccio. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani