Estorsione alla sindaca Appendino, nuove accuse per l'ex portavoce Pasquaretta: l'avrebbe ricattata

Estorsione alla sindaca Appendino, nuove accuse per l'ex portavoce Pasquaretta: l'avrebbe ricattata
1 Minuto di Lettura
Venerdì 1 Febbraio 2019, 22:53
Estorsione, traffico di influenza illecita e turbativa d'asta. Sarebbero questi i reati che la procura di Torino contesterebbe a Luca Pasquaretta, ex portavoce della sindaca di Torino Chiara Appendino ed ora nello staff della viceministra all'Economia Laura Castelli. Massimo riserbo sulla vicenda, anche se i fatti contestati si riferirebbero a episodi che si sarebbero verificati dopo la fine della sua esperienza a palazzo Civico, terminata la scorsa estate. Sempre a quanto si apprende, oggi sarebbe stato sentito in procura come persona informata sui fatti l'assessore al Commercio della città di Torino Alberto Sacco.

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, sarebbe invece parte lesa nell'ambito della vicenda giudiziaria che ha portato la Procura di Torino a contestare nuove accuse nei confronti del suo ex portavoce, Luca Pasquaretta. Il 'pitbull', come il giornalista era soprannominato a Palazzo Civico, avrebbe ricattato la prima cittadina subito dopo la fine del suo rapporto di lavoro con lei, la scorsa estate. Pasquaretta è accusato anche di turbativa d'asta e di traffico di influenza illecita.
© RIPRODUZIONE RISERVATA