Antigona si sveglia dal coma dopo 3 mesi e fa l'esame di maturità: si era sentita male a scuola

La ragazza aveva avuto un malore a scuola lo scorso 28 aprile a scuola. Il suo risveglio è un miracolo per medici e infermieri

Firenze, Antigona si sveglia dal coma dopo 3 mesi e fa l'esame di maturità: «Voglio diventare chef»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 12:24 - Ultimo aggiornamento: 12:26

Da un coma apparentemente irreversibile all'esame di maturità. La storia di Antigona, studentessa dell'Istituto Alberghiero Buontalenti di Firenze è un miracolo anche per i medici.  Antigona si era sentita male durante una lezione di educazione fisica lo scorso 28 aprile, poi era andata in coma: per mesi insegnanti e amici si sono aggrappati alla speranza di vederla riaprire gli occhi. E ora, dopo tre mesi nonostante le difficoltà del recupero è pronta a riprendersi in mano la sua vita e a tornare a inseguire i suoi sogni: «Voglio diventare chef e pasticciera» ha detto inun'intervista al Corriere Fiorentino. 

Alessio Quaini, morto a 13 anni in gita per un malore: la prof rischia 8 mesi di carcere

Il malore a scuola e la corsa in ospedale

L'incubo di Antigona era iniziato lo scorso 28 aprile. Durante un esercizio di educazione fisica - neanche troppo impegnativo - la ragazza si getta tra le braccia di un compagno. Il volto è cianotico: immediati i soccorsi, l'arrivo del vicepreside che le pratica un massaggio cardiaco. Con i sanitari del 118 la ragazza torna a respirare, poi durante la corsa in ambulanza verso l'ospedale Careggi, ha di nuovo un infarto. All'ospedale viene immediatamente operata, poi le cose sembrano andare meglio ma la situazione precipita una terza volta. Antigona entra in coma, secondo i medici potrebbe essere irreversibile. Passano i mesi, compagni e professori non la lasciano sola, continuano ad andare a trovarla all'ospedale ma ogni giorno è un passo in più verso la paura.

Il 20 giugno si riunisce la commissione: devono decidere chi ammettere all'esame di maturità. Inizialmente si pensa a un riconoscimento simbolico. Poi i professori cambiano idea: viene istituita una commissione straordinaria a settembre, come previsto per i casi di indisposizione momentanea dello studente.  

Ritorno a scuola, Sofia: "Che sorpresa rivedere il viso dei compagni"

Il risveglio e l'esame di Maturità 

La bella notizia arriva il primo agosto quando Antigona riapre gli occhi dopo 3 mesi. «Antigona si è svegliata contro ogni previsione e noi abbiamo pianto tutti di felicità» racconta la professoressa Cellai. La ripresa cognitiva della ragazza è formidabile e stuisce tutti: è cosciente, riconosce i familiari e i professori. Vuole fare l'esame a tutti i costi, videochiama i prof, non aspetta neanche il certificato medico. E l'esame va benissimo: per gli scritti, visto che non era in grado di scrivere ha dettato il suo tema all'insegnante di italiano. Un tema sul bullismo, in cui racconta anche episodi subiti in prima persona. Poi l'orale, in videoconferenza. Risultato: 85 su 100. Un traguardo che sembrava impossibile e che è diventato realtà. 

Ora la aspetta una lunga riabilitazione presso l'Istituto Don Gnocchi di Firenze. Anche se la strada è in salita, il peggio è passato e lo sguardo è tutto puntato sul futuro: «Una volta che avrò finito la riabilitazione voglio fare la chef, e se possibile la pasticciera» racconta piena di entusiasmo.   

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA