Angelo Padoan, morto l'ex medico del Treviso Calcio: aveva 63 anni, a luglio aveva scoperto un tumore

Il medico lavorava in pediatria, ha eseguito oltre tremila interventi. Se n'è andato a 63 anni

Addio al dottor Angelo Padoan
di Mauro Favaro
3 Minuti di Lettura
Martedì 11 Ottobre 2022, 12:47 - Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 08:28

PADOVA/TREVISO - Addio al dottor Angelo Padoan. L'ex specialista della Neurochirurgia pediatrica dell'azienda ospedaliera di Padova, andato in pensione l'anno scorso, già medico sociale del Treviso Calcio, è mancato domenica all'età di 63 anni. A luglio gli era stato diagnosticato un tumore. Un fulmine a ciel sereno. Poche settimane dopo si era sottoposto a un intervento chirurgico a Firenze. Di seguito, però, la malattia ha fatto il suo inesorabile corso. Nelle ultime due settimane è stato accolto nell'hospice Casa dei Gelsi dell'Advar di Treviso. Fino a domenica.

Omicidio Osimo, donna di 41 anni uccisa dal compagno marocchino: arrestato. Avevano due figli

Figlio di Armando, storico medico di famiglia di Villorba, e prima ancora di Gaiarine, nel corso della sua attività Angelo Padoan ha eseguito oltre 3mila interventi neurochirurgici. Già un anno prima della specializzazione nell'ateneo patavino, nel 1988, era diventato assistente medico di ruolo della divisione di Neurochirurgia dell'ospedale di Padova. All'epoca uno dei più giovani d'Italia. E non si è più fermato. Dal 2004 è stato neurochirurgo con incarico nel settore di alta specializzazione di Neuro-oncologia. E nel 2007 è entrato nello stesso settore all'interno dell'unità di Neurochirurgia pediatrica. Grande appassionato di sport, tifosissimo della Juventus, negli stessi anni è stato anche medico sociale del Treviso Calcio, a titolo gratuito. Era l'epoca della militanza della squadra in serie B e della storica promozione in serie A. Per il dottor Angelo Padoan, però, non c'era solamente il lavoro. «Aveva una grande passione per la storia, in particolare quella della Serenissima, e per la geografia. Aveva anche iniziato a scrivere un romanzo storico - spiega Laura, una delle sue due figlie - era anche molto appassionato del mare. Oltre ovviamente al calcio: un tifoso sfegatato dalla Juve».

Dopo essere nato a Treviso, aveva vissuto per un periodo a Gaiarine, poi a Lancenigo e di seguito a Padova. Fino al 1996, quando la famiglia è tornata a Lancenigo. E non si è più mossa. Vedovo da quattro anni, il dottor Angelo Padoan lascia due figlie, Laura ed Elena, la mamma Margherita e il papà Armando. Il funerale è già stato fissato: l'ultimo saluto gli verrà dato giovedì pomeriggio, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Villorba. Poi il feretro proseguirà alla volta del crematorio di Conegliano. La famiglia chiede a tutti non fiori ma di devolvere eventuali offerte all'Advar, l'associazione che si occupa dell'assistenza a persone con il tumore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA