Andrea Roberti morto a 16 anni in una gara di motocross: incidente a Brescia, viene investito dagli altri piloti

Il ragazzo stava partecipando a una gara regionale di motocross, quando poco dopo la partenza è caduto insieme ad altre moto

Morto sul motocross a 16 anni: incidente in gara a Brescia, viene investito dagli altri piloti
3 Minuti di Lettura
Domenica 2 Ottobre 2022, 17:49 - Ultimo aggiornamento: 4 Ottobre, 11:43

La prima curva di una gara del campionato regionale è stata l'ultima della sua giovane vita in sella ad una moto da cross. Andrea Roberti, baby pilota di 16 anni omonimo del campione italiano della 125, è morto poche ore dopo essere stato trasferito in condizioni disperate agli Spedali civili di Brescia. Questa mattina era al via di una prova al crossdromo Aldo Boccacci di Rezzato, nel Bresciano, quando attorno alle 12.30, poco dopo la partenza è stato coinvolto in un incidente con altri cinque partecipanti. Secondo quanto ricostruito, il 16enne non è riuscito a rialzarsi e ad evitare altre moto in prova che lo hanno travolto. Gli altri piloti coinvolti nell'incidenti si sono alzati allontanandosi, mentre il 16enne è rimasto a terra. Immediata la sospensione della gara e sul tracciato sono intervenuti i soccorritori presenti in pista che hanno provato a rianimare Andrea Roberti, incosciente dopo l'investimento.

Ivan, guerriero di 24 anni, si è arreso: il sogno dei motori, la gamba amputata e la lotta la tumore

Incidente fatale in motocross, morto a 16 anni

Sul posto sono state inviate un'ambulanza e un'auto medica, nonché l'elicottero del 118 e il cuore del giovane ha ricominciato a battere grazie all'intervento di un medico, ma le condizioni del ragazzino sono subito sembrate disperate. Per oltre due ore al Pronto soccorso dell'ospedale bresciano familiari, amici e compagni di scuderia hanno sperato nel miracolo, ma a metà pomeriggio è stato dichiarato il decesso del 16enne, residente a Ponte San Marco, paese non molto distante dal crossodromo di Rezzato, teatro dell'incidente. Troppo gravi le ferite riportate nello scontro e poi nell'investimento successivo. Sotto choc i proprietari della pista, dove si erano registrati altri incidenti in gara in passato, ma mai dalle conseguenze mortali.

Attentissimi alla sicurezza, i gestori del crossodromo si sono chiusi nel dolore per la morte del ragazzino che aveva una grande passione per la moto. Figlio unico di una famiglia molto conosciuta tra Calcinato e Lonato, studente dell'Itis di Lonato del Garda, aveva rinunciato alle vacanze con gli amici per ottenere il patentino per la moto. La ricostruzione dell'incidente costato la vita al giovane pilota bresciano è al vaglio delle forze dell'ordine che dovranno valutare eventuali responsabilità in quella che è stata una tragedia figlia della fatalità. Probabile che la struttura possa essere temporaneamente posta sotto sequestro per permettere di effettuare tutti i rilievi necessari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA