CORONAVIRUS

#AMenoDiUnMetro: l'appello lanciato da associazioni e case famiglia per aiutare i più fragili

Mercoledì 1 Aprile 2020
Ci sono anche i più fragili in questa emergenza. Sono tutte le persone che vivono nelle case famiglia, nelle comunità alloggio: e sono centinaia gli operatori sociali che stanno portando avanti il proprio lavoro con forza, consapevolezza e, sicuramente, a meno di un metro di distanza. In piena pandemia Covid- 19, si prendono cura delle persone con disabilità, di minorenni, di madri con i figli in condizioni di fragilità, di anziani, di persone senza fissa dimora. Lo stanno facendo e continueranno a farlo. Per questo lanciano un appello #AMenoDiUnMetro  alle istituzioni Casa al Plurale, AGCI, Agevolando, Centro Astalli, CNCA nazionale e Federazione CNCA LAZIO, CNCM, Confcooperative Federsolidarietà, Forum Terzo Settore Lazio, Legacoopsociali Lazio, Rete Mb Lazio Mam&Co. Associazioni che hanno bisogno di sentire le Istituzioni schierate tutte insieme per proteggere le fasce più fragili della nostra società, consapevoli di questo importantissimo servizio che gli operatori sociali svolgono a nome e per conto di tutta la comunità.
Per loro e per il personale che con loro opera, per continuare a fornire servizi già ora economicamente insostenibili,
«va previsto un piano di sostegno economico specifico dopo la fine dell’emergenza, in controtendenza a quanto avvenuto negli ultimi anni, che hanno visto un continuo e significativo taglio alla spesa sociale, affermano le Associazioni e gli enti coinvolti nell’appello» © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani