Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Non buttare l’ambiente nel cesso”, irriverente campagna online di Road to green 2020

“Non buttare l’ambiente nel cesso”, irriverente campagna online di Road to green 2020
2 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Febbraio 2021, 12:10

Il gesto viene fatto sovrappensiero: siamo distratti e gettiamo nel water cotton fioc, dischetti levatrucco, cerotti, senza preoccuparci delle conseguenze. Ma tutto ciò finisce nei fiumi e nel mare, con gravi danni per l'ecosistema. Per questo motivo, Road to green 2020, associazione per la promozione della sostenibilità ambientale, ha lanciato una spiritosa campagna social, “Non buttare l’ambiente nel cesso”, sperando che l'ironia aiuti a migliorare i nostri comportamenti. Dal 1 marzo sui canali Facebook, Instagram, Twitter e Linkedin dell’associazione saranno condivisi 20 scenari surreali, in stile cartoon, che mostrano come quei rifiuti che erroneamente ogni giorno vengono buttati nel gabinetto vadano a interferire con la vita degli animali marini o che popolano fiumi, stagni e laghi. Nata da un’idea di Barbara Molinario, presidente di Road to green 2020, la campagna è stata sviluppata dall’associazione con testi e creatività di Alessia Piccioni e grafiche di Elettra Nicotra e Erica Paris. «Abbiamo scelto di lanciare questa campagna di comunicazione dal nome un po’ irriverente per dimostrare che la sostenibilità può essere anche divertente – spiega Molinario – Crediamo che la salvaguardia dell’ambiente riguardi tutti, a prescindere dall’età, per questo abbiamo scelto la piazza virtuale più democratica che ci sia, quella dei social. Vi invitiamo a seguire i nostri profili, per scoprire cosa accade in fondo al mare quando gettiamo qualcosa che non dovremmo nel nostro wc».

© RIPRODUZIONE RISERVATA