Molestie alpini, una ragazza ha presentato denuncia. La receptionist di un hotel: «Mi hanno chiesto di fare la doccia con loro»

Le attiviste di "Non una di meno" annunciano che alcune donne hanno deciso di denunciare

Molestie alpini, dipendente hotel denuncia: «Mi hanno chiesto di fare la doccia con loro e poi un 70enne mi ha baciata»
3 Minuti di Lettura
Martedì 10 Maggio 2022, 17:59 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 08:54

Una ragazza di 26 anni ha presentato, nel pomeriggio, una denuncia ai carabinieri di Rimini per le molestie ricevute durante l'adunata degli alpini. In compagnia di un'amica (che ha parizalmente assistito alla scena) e del proprio avvocato, ha raccontato ai militari della caserma Destra del Porto, di essere stata circondata e aggredita da tre persone sabato pomeriggio in mezzo alla folla. Secondo la denuncia l'avrebbero presa per un braccio, strattonata e insultata con frasi dall'esplicito riferimento sessuale. Lei si è divincolata ed è riusicta a scappar via. La denuncia è contro ignoti e, al momento, si procede per molestie.

«Mi hanno chiesto di fare la doccia con loro», la denuncia di una dipendente di hotel

Una nuova testimonianza da Rimini, un nuovo caso di molestie. A parlare è Azzurra, una ragazza che lavora in un hotel della città romagnola, che al Gr1 ha raccontato la sua esperienza: «Ci sono stati vari episodi. Per quattro giorni siamo diventate tutte "bellissime" e "tesoro". C'era un gruppo di 10-12 alpini, 30-40 anni, avevano prenotato una camera per qualche ora per farsi una doccia. Sono entrati chiamandomi, aprendo le braccia: "Dai Azzurra, andiamo a farci la doccia". Un altro ospite, avrà avuto 70 anni, mi ha messo il cappello in testa e mi ha baciato sulle guance».

Molestie all'adunata degli alpini a Rimini, l'associazione: «Pronti provvedimenti in caso di denunce». Guerini: «Nessuna tolleranza»

Moleste all'adunata degli alpini, la testimonianza di Azzurra

Replicando alla giustificazione data dagli alpini, che gli episodi fossero attribuibili a persone "imbucate" nei loro gruppi, la ragazza ha precisato: «Stando alla quantità di molestie, se si trattasse di imbucati negli alpini, ci sarebbero più imbucati che alpini. Ho visto video con decine di persone che si strusciavano addosso a ragazze». E quanto all'ipotesi di sporgere denuncia: «Ci stiamo pensando, stiamo valutando la possibilità di una denuncia di gruppo, e vogliamo mettere a disposizione un supporto legale per chiunque volesse farlo».

Molestie, alcune donne hanno deciso di denunciare

«Daremo supporto a chiunque voglia denunciare le molestie subite. Alcune donne hanno infatti deciso di denunciare e ci hanno contattato per chiedere il nostro supporto che non tarderà ad arrivare. Ci stiamo attivando in queste ore per presentare le denunce tramite nostri avvocati di fiducia e per accompagnare in questura chiunque ne faccia richiesta». Così su Instagram la delegazione riminese del movimento femminista "Non una di meno".

Le attiviste hanno organizzato ieri sera una «contro-adunata» in piazza Cavour nella quale «tante persone hanno preso parola per raccontare le molestie subite durante l'adunata degli alpini». Il movimento prosegue nell'attività di racconto delle molestie, sottolineando che «denunciare è difficile e che spesso chi decide di farlo vive una seconda violenza davanti alle forze dell'ordine che tendono a minimizzare e a sminuire la vittima. Ma in questo caso le denunce possono essere una leva in più perché le molestie che si ripetono ad ogni adunata non possano passare sotto traccia come accaduto in passato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA