Alitalia, il commovente saluto del comandante Gioia prima dell'ultimo volo: «Addio a un pezzo di storia»

Le parole del comandante: «Tenetevi da parte la carta di imbarco, rappresenta un pezzetto di storia dell'aviazione italiana. All'arrivo sarò alla porta per salutarvi uno ad uno».

Alitalia, il commovente saluto del comandate Gioia prima dell'ultimo volo: «Addio a un pezzo di storia»
di Alessio Esposito
3 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Ottobre 2021, 08:18 - Ultimo aggiornamento: 16:25

La grande storia di Alitalia si è conclusa ieri sera alle 23.10, con l'atterraggio a Fiumicino del volo Cagliari-Roma. A pilotare l'aereo c'era il comandante Andrea Gioia55 anni e 15mila ore di volo, formatosi proprio nella scuola di volo dell'ex compagnia di bandiera italiana. Prima di decollare dall'aeroporto sardo, Gioia si è congedato con un emozionante discorso rivolto a passeggeri e staff a bordo: «Sono il comandante di questo che è considerato l'ultimo volo di Alitalia. La procedura di cessione del marchio non si è ancora conclusa, o almeno fino a quando sono uscito di casa. Ma comunque da domani Alitalia non volerà più e sarà quindi la fine della grande epopea della compagnia italiana».

Alitalia, come accedere al fondo da 100 milioni per il rimborso dei biglietti

Alitalia, il commovente saluto del comandante Andrea Gioia

Le commoventi parole di Andrea Gioia, riprese dai numerosi smartphone presenti a bordo, sono finite sui social, dove in tanti hanno condiviso i propri ricordi con Alitalia. Il comandante ha proseguito: «Sono entrato nella scuola di volo a poco più di 21 anni, tra l'altro ironia della sorte ho fatto il primo volo proprio qui a Elmas, sono diventato pilota di linea a 23 e comandante a 33 anni. Questa sera l'ultimo volo di Alitalia coincide anche con il mio ultimo volo con la coda tricolore, che ho portato con grande orgoglio nei cieli di mezzo mondo. E ora rilassatevi e godetevi questo volo storico. Tenetevi da parte la carta di imbarco che rappresenta un pezzetto di storia dell'aviazione italiana. All'arrivo sarò alla porta per salutarvi uno ad uno e ringraziarvi come sempre».

«Ognuo di voi e altri 60 milioni di italiani ha una propria opinione sull’Alitalia, e sono tutte rispettabili. Ma quando nel 1947 decollò il primo volo Alitalia, è iniziata una storia gloriosa fatta di assoluta eccellenza aeronautica. Dire addio all’azienda è un onere enorme, ma anche un onore e un privilegio». Poco prima di atterrare, l'ultimo saluto: «Questa sera in particolare il mio grazie va a questo equipaggio perché nessuno di loro, come me, domani tornerà a volare». All'uscita del terminal, piloti, hostess e steward sono stati accolti con fiori, lacrime e lunghi abbracci da un folto gruppo di colleghi.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA