Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alessio Madeddu, la figlia riapre il ristorante dello chef di “4 Ristoranti” ucciso 8 mesi fa: «Ora sarai felice»

Ucciso lo chef Alessio Madeddu di 4 Ristoranti : dopo 8 mesi la figlia riapre il ristorante in Sardegna
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Giugno 2022, 11:55 - Ultimo aggiornamento: 13:15

Lo chef Alessio Madeddu è stato brutalmente ucciso a colpi d'ascia nell'ottobre scorso all'interno del suo ristorante a Porto Budello, in Sardegna, e da quel giorno l'ittiturismo “Sabor 'e mari” è rimasto chiuso. Otto mesi dopo dall'omicidio, la figlia dello chef - diventato famoso per avere partecipato alla trasmissione “4 Ristoranti” - ha deciso di riaprire il locale per onorare il padre e portare avanti quello che era la sua più grande passione.

Chef ucciso, la figlia riapre il locale

Alessia Madeddu ha riaperto il 9 giugno l'attività, affidando i suoi pensieri ai social. «Il cuore è triste, ma la voglia di ripartire è tanta», ha scritto su Facebook ed Instragram e così il ristorante inizia intanto con i pranzi per vedere poi se estendere o meno l'orario di apertura. «Credo che papà sarebbe felice di sapere che la sua creatura è tornata in attività» ha dichiarato Alessia all'Unione Sarda.

Ucciso dopo avere partecipato a “4 Ristoranti”

Alessio Madeddu era diventato famoso dopo la sua partecipazione alla trasmissione dello chef Alessandro Borghese “4 Ristoranti”, ma nell'ottobre del 2021 è stato assassinato da Angelo Brancasi, 43 anni, panettiere di Sant'Anna Arresi, nel sud Sardegna al culmine di una lite scatenata probabilmente per motivi di gelosia. Il corpo senza vita di Madeddu era stato rinvenuto all'interno del suo locale. Il killer è stato arrestato dopo poche ore dagli inquirenti che, grazie alle testimonianze di amici e familiari, sono riusciti a ricostruire il movente dell'omicidio e risalire quindi all'autore della brutale aggressione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA