Alberto Pastore è morto in ospedale, un mese fa aveva tentato il suicidio. Nel 2019 uccise il miglior amico a coltellate e confessò sui social

Accoltellò il miglior amico è confessò sui social, oggi Alberto è morto in ospedale
4 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Maggio 2021, 15:07 - Ultimo aggiornamento: 30 Maggio, 09:29

Aveva tentato il suicidio in carcere ed è morto dopo circa un mese di agonia, Alberto Pastore, il 24enne che nell'agosto 2019 uccise a coltellate l'amico Yoan Leonardi, confessando poi il delitto con stories su Instagram e un post su Facebook. Una vicenda che sconvolse Cureggio, in provincia di Novara.

Era ricoverato in ospedale dopo aver tentato il suicidio in cella, dove stava scontando una condanna a 14 anni  inflitta con rito abbreviato. 

Il decesso risalirebbe a venerdì scorso, ma la notizia ha trovato conferma soltanto oggi a Cureggio, il paese dove vive la famiglia del giovane e dove da giorni si rincorrevano le voci. In carcere Pastore aveva manifestato problemi di salute, forse dovuto anche ad un presunto pestaggio, dai quali non si è ripreso fino al suicidio.

Le sue condizioni erano apparse sin dall'inizio molto gravi. Il giovane stava scontando una condanna a 14 anni per l'omicidio di quello che era il suo migliore amico, che aveva accusato di essere il motivo per cui la fidanzata lo aveva lasciato. Una circostanza che, nel corso delle indagini, non ha mai trovato conferme. Prima di essere arrestato il giovane era fuggito in auto e, quando era ancora alla guida, aveva registrato un video, poi pubblicato sui social, in cui confessava di essere l'assassino.

Ariccia, studente di 14 anni si uccide gettandosi dal ponte: forse depresso a causa del Covid

Giulia di Sabatino, volata giù dal ponte a 19 anni: il giallo delle foto hard nel telefono di un uomo

Che Alberto volesse farla finita lo ha aveva detto subito dopo avere ucciso a coltellate il suo migliore amico. «Voglio scusarmi con tutti, ho fatto una cazzata», aveva scritto confessando sui social, mentre era ancora in fuga, l'omicidio di Yoan Leonardi. 

In carcere Pastore non era più il ragazzo che aveva colpito per la sua freddezza nel video in cui raccontava quello che aveva fatto, mentre era in fuga con la sua auto dal piazzale alla periferia di Cornignano (Novara) e dal cadavere del suo amico.

La vicenda - Due vite distrutte, come le rispettive famiglie. Anzi tre: anche la ragazza, che faceva coppia con Alberto, e che lui credeva avesse qualcosa di più di un'amicizia con Yoan, resterà comunque segnata da questa vicenda terribile. Pastore si era incontrato con Leonardi, anche lui un operaio, per un chiarimento nel cuore della notte, vicino a un pub di Comignago, il paese della vittima, nel piazzale dell'ex Museo dell'Aeroplano.

Un luogo non lontano dalla parte più a sud del lago Maggiore. Tra i due, dopo la violenza nelle parole, le accuse, gli insulti, è spuntato il coltello dell'omicida e Yoan è caduto, colpito a morte, sotto gli occhi dell'amico assassino. Nel video in cui spiegava le motivazioni del gesto, Pastore parlava con una calma incredibile. «Non so se Yoan ci sarà ancora, ma il mio obiettivo era far vedere alla gente che per amore non bisogna mai intromettersi nelle faccende altrui».

Farneticazioni che avevano lasciato spazio allo sconforto già nell'udienza di convalida, due giorni dopo il delitto, quando al gip del tribunale di Novara era apparso molto provato, in lacrime. Una condizione che non lo ha più abbandonato, come l'intenzione di uccidersi. «Voglio morire - dice - è l'unica soluzione». Fino ad un mese fa, quando ha tentato davvero di suicidarsi. Soccorso e ricoverato in ospedale, a Torino, le sue condizioni erano apparse sin dall'inizio molto gravi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA