Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia, accoltella la moglie e si uccide. L'amica di lei: «Sapevo qualcosa, ma non aveva mai denunciato»

Torre di Mosto, accoltella la moglie e si uccide. L'amica di lei: «Sapevo qualcosa, ma non aveva mai denunciato la situazione»
di F.Cib.
4 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 07:56 - Ultimo aggiornamento: 18:53

«Come amica sapevo qualcosa, ma non si era mai rivolta a noi, come associazione, per denunciare la situazione che stava vivendo». A parlare è Diana Aretano, presidentessa, oltre che fondatrice, assieme al marito, dell'associazione I Colori della vita.

Daniele Bedini, il killer di Sarzana evade (per la seconda volta) dal carcere: fuga da film, lo ritrovano alla stazione di Cuneo

Torre di Mosto, la testimonianza dell'amica

«Siamo presenti nel territorio da dieci anni spiega la donna Siamo iscritti all'Albo regionale delle associazioni, occupandoci di arte, di prevenzione del tumore al seno, quindi di iniziative atte a prevenire la violenza; a tale riguardo collaboriamo con i centri anti-violenza». Diana conosce Rosa Silletti, ne era diventata amica, al punto da potere raccogliere alcune sue confidenze in merito a quanto avveniva tra le mura domestiche. «Conosco Rosa come amica continua e posso dire che è una donna straordinaria, dedita ai figli e al lavoro. Sapevo qualcosa che la riguardava e, naturalmente, per una questione di privacy e di delicatezza per quanto avvenuto non posso dire nulla. Certo non pensavamo si potesse arrivare a queste conseguenze. Non aveva mai partecipato alle attività che organizziamo, anche se la invitavo, magari consegnandole degli opuscoli, per cui non ha mai chiesto di essere seguita da noi».

Ora l'associazione si metterà a disposizione per aiutare lei e i figli, qualcosa ce ne fosse la necessità, anche attraverso lo studio dell'avvocato Luca Pavanetto, che fin dal principio si è messo a disposizione di questa realtà. «Faccio il servizio legale, con i miei collaboratori, per i problemi di natura familiare. Lo scopo è di aiutare con consigli anche di carattere legale. Quello che l'associazione vuole garantire, è un approccio umano, psicologico, legale, per tutelare le donne a tutto tondo. Sono creature speciali e devono sentirsi subito al sicuro. Per quanto riguarda la signora Rosa, non l'ho mai ricevuta e non si è mai rivolta all'associazione. Naturalmente mi metto a disposizione, sua e dei figli, per tutto ciò che può servire. Massima disponibilità e impegno».

Impegno che riguarda tante donne, anche di Torre di Mosto, in un problema che si trova appena sotto la superficie di tranquillità di un paese che ha già presentato diversi casi. «Purtroppo si sono verificati anche altri casi di violenza conferma la presidente , che per fortuna non hanno avuto queste conseguenze. Riguardano famiglie italiane come straniere e ce ne sono stati più di quanti possiamo immaginare. Denunciare non è semplice».

L'associazione, come detto è nata dieci anni fa, utilizzando anche l'arte per lanciare determinati messaggi. «Nei nostri messaggi cerchiamo di non separare mai le donne dagli uomini. Anche l'ultima mostra che abbiamo allestita era di artisti uomini che dedicavano delle opere alle donne. Va cercato un dialogo anche per capire come si arrivi a determinati punti. Da parte nostra cerchiamo di formarci, attraverso il centro Magnolia, e di essere delle sentinelle. Vogliamo dare voce al silenzio». Sentinelle, ma anche aiuto concreto, attraverso lo studio legale Pavanetto, che diventa anche centro di ascolto, per le donne che vogliono iniziare un percorso che può diventare di carattere legale, per tutelarsi da ogni punto di vista. In occasione del decennale, anche il presidente del Veneto Luca Zaia ha voluto complimentarsi per la preziosa attività, ricordando, attraverso un lungo post pubblicato sul profilo Facebook personale dello stesso governatore, tutte le iniziative svolte dall'associazione, che comprende anche la prevenzione del tumore al seno e la tutela dei bambini, anche attraverso la raccolta fondi da destinare alla ricerca delle malattie genetiche. «Insieme - conclude la presidente - dobbiamo avere la forza di denunciare, di chiedere aiuto e di tutelare anche i bambini, che spesso sono anch'essi vittime».

© RIPRODUZIONE RISERVATA