MATTEO SALVINI

Salvini in Campania, il giallo dell'Etna al posto del Vesuvio sul manifesto. Lui: «Grafica manipolata»

Venerdì 5 Giugno 2020 di Simone Canettieri
Salvini in Campania, il giallo dell'Etna al posto del Vesuvio sul manifesto. Lui si difende: «Grafica manipolata»

Un affronto. Per i napoletani, ma anche per i catanesi. Matteo Salvini, leader della Lega, nell'annunciare il suo nuovo tour in vista delle regionali in Campania avrebbe pubblicato su Facebook un'immagine che lo ritrae sorridente davanti all'Etna. Peccato che la scritta riporti "Venerdì 5 giugno, Salvini in Campania". E a seguire tutti gli appuntamenti di oggi nel Napoletano.

Sondaggi politici, la fiducia nei leader: Draghi (59%) supera Conte (57%), Meloni meglio di Salvini


Una svista della "Bestia", la macchina di propoganda sociale del Capitano che ha scatenato subito l'ironia della rete, ma anche della politica. Ecco il tweet di Carla Ruocco, deputata M5S e presidente della commissione banche: «Questa è la conoscenza che Salvini e Lega hanno del #Sud e delle sue realtà. Scambiano l'#Etna per il #Vesuvio». Così sembrerebbe anche se appena scoppiato il caso proprio dalla pagina di Salvini è arrivata una secca smentita: "Hanno manipolato la grafica, sono comici. Qualche buontempone si è divertito a ritoccare la grafica di un cartello sulla mia visita di oggi a Napoli. Se queste sono le armi di sinistra e grillini contro la Lega la commissione sulle fake news cosa dirà?".

Zaia: non siamo gli untori d'Europa

Ironia M5S. Salvini confonde Etna e Vesuvio. Cosa volete che sia? Vorrei trovare, mannaggia, la stessa superficialità, la stessa ignoranza, nella gestione dei fondi pubblici garantiti alla politica». Lo scrive su Facebook il senatore calabrese del M5S Nicola Morra. «Mi pare che qualche tempo fa la Lega - aggiunge il presidente della commissione Antimafia-, con la stessa distrazione con cui ora confonde Etna e Vesuvio, abbia confuso dare ed avere, e così, piuttosto che restituire allo Stato, ha preso per sé ben 49 milioni di euro che non le spettavano. E se non ci fosse stata una Procura della Repubblica non se ne sarebbe accorta». Quando «mai - conclude - nella confusione fra dare e avere, un singolo od una forza politica hanno dato e non preso? Io ho memoria solo di un caso».
 

Ultimo aggiornamento: 16:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA