Coldiretti, a maggio persi 31 milioni di turisti

Lunedì 1 Giugno 2020
(Teleborsa) - Ammontano a 31 milioni le presenze turistiche italiane e straniere perse a maggio per effetto dell'emergenza coronavirus che ha praticamente azzerato i flussi dei viaggiatori come pesanti effetti sull'economia.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat dalla quale si evidenzia che, senza l'attesa riapertura tra regioni e alle frontiere ai turisti, il commercio non riparte come evidenziano anche i dati di Confcommercio.

L'impatto economico a maggio è stato infatti drammatico con l'azzeramento della spesa turistica e una perdita stimata dalla Coldiretti in quasi 8 miliardi di euro per l'alloggio, la ristorazione, il trasporto e lo shopping che ha colpito bar, ristoranti e negozi.

A pagare il conto più salato è l'alimentare con il cibo che - sottolinea la Coldiretti - è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa 1/3 della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.

La stessa Coldiretti ha stimato un calo delle presenze dell'80% in agriturismo per il ponte del 2 giugno. Come rileva l'Associazione la ripresa procede con grande rilento anche per il turismo nelle campagne con grandi difficoltà per l'offerta di alloggio mentre l'attività di ristorazione è ridotta al minimo. © RIPRODUZIONE RISERVATA