CORONAVIRUS

Germania, la Chiesa europea più ricca è preoccupata per il calo stimato del 20% delle tasse

Lunedì 25 Maggio 2020 di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Non solo in Vaticano l'impatto della crisi finanziaria e della recessione portata dal coronavirus sta dando grattacapi ai vertici. Anche nella Chiesa in Germania il problema è fonte di preoccupazioni poiché, secondo alcune stime fatte recentemente, il gettito fiscale previsto per quest'anno potrebbe subire una contrazione anche del 20% delle entrate. A rilevarlo è stato un esperto finanziario, Bernd Raffelhueschen in un'intervista all'agenzia di stampa cattolica tedesca KNA. Le previsioni dello Stato inizialmente facevano pensare ad un calo più contenuto, si parlava del 13% ma l'avvio dell'economia e, di conseguenza, del gettito fiscale potrebbe arrivare a cifre superiori.

A parlare apertamente del problema era stato il mese scorso il nuovo presidente della Conferenza episcopale, monsignor Georg Baetzin, mettendo in chiaro che tutto questo avrà conseguenze per le diocesi e le strutture amministrate, tenendo conto che la Chiesa in Germania non solo è ricchissima ma costituisce uno dei principali datori di lavoro: scuole, ospedali, strutture parrocchiali, centri di ascolto per un totale di decine di migliaia di impiegati.

Tutto si regge sulle entrate della tassazione. I contribuenti tedeschi pagano una tassa annuale per poter essere 'iscritti' a una confessione religiosa e, di conseguenza, hanno diritto ad avere accesso ai riti, ai sacramenti, ai matrimoni, ai funerali. Negli ultimi anni le Chiese cristiane (non solo quella cattolica) hanno denunciato un calo del numero degli iscritti. Una sorta di distaccamento della vita religiosa, un disinteresse di fondo, oltre che un risparmio evidente per le famiglie.

La tassa religiosa in Germania è prevista dalla legge. Il denaro viene detratto dalle autorità fiscali statali e poi trasferito, in un secondo momento, alle Chiese. In pratica il gettito fiscale dipende dal numero degli 'affiliati' e, ovviamente, dall'andamento economico generale. Chi ha un reddito maggiore, specie se è un lavoratore autonomo, è evidente che pagherà di più. Nel 2018 i contribuenti che si sono iscritti alla Chiesa cattolica hanno versato 6,6 miliardi di euro di tasse ecclesiastiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA