MATTARELLA

Taglio del cuneo fiscale, via libera della Camera: fino a 100 euro in più in busta paga

Martedì 31 Marzo 2020
Da luglio giù le tasse per 16 milioni di lavoratori dipendenti. In piena emergenza Coronavirus la Camera dà l'ok finale al taglio del cuneo fiscale, promesso con la manovra che ha stanziato 3 miliardi per il 2020 e 5 per il 2021 per ridurre il peso del fisco in busta paga. Un primo passo, aveva ripetuto il governo, in vista di una riforma complessiva dell'Irpef che, oggi, non è più una priorità, scalzata dal contenimento dei danni economici del virus. L'intervento arriva a dare fino a 100 euro in busta paga ai lavoratori, ampliando la platea del bonus Renzi e introducendo una nuova detrazione per chi ha redditi un pò più alti ma fino alla soglia massima di 40mila euro.

Non solo, la prima parte del rafforzamento del bonus è strutturale, mentre la detrazione vale, al momento, solo per quest'anno. Quindi chi da luglio avrà un aumento del bonus Renzi da 80 a 100 euro (redditi dagli 8.159 euro e i 26mila euro) e chi li prenderà per la prima volta (i redditi tra 26.000 e 28mila euro) manterrà il vantaggio fiscale anche in futuro e chi riceverà da 80 euro in giù (redditi tra i 28mila e i 40mila euro) li otterrà per il momento solo per 6 mesi del 2020. La detrazione è piena, 600 euro nel 2020, in corrispondenza di un reddito complessivo di 28.000 euro e decresce linearmente fino ad azzerarsi al raggiungimento dei 40.000 euro. 

Tra l'altro domani mattina il premier Giuseppe Conte incontrerà i leader dell'opposizione Matteo Salvini, Giorgia Meloni e il forzista Antonio Tajani e giovedì riprenderà la cabina di regia tra centrosinistra e centrodestra guidata dal ministro Federico D'Incà per coordinare il lavoro di approvazione del decreto di marzo in Senato e la stesura di quello di aprile Ultimo aggiornamento: 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani