CORONAVIRUS

Il porto è deserto per il Coronavirus e arrivano i delfini

Domenica 15 Marzo 2020 di Remo Sabatini
I delfini nel porto di Cagliari (immagini pubblicate su Fb dal team di Luna Rossa)
In tempi di Coronavirus, anche i porti italiani sono pressochè deserti. O quasi. Sì perchè, come accaduto al porto di Cagliari, qualcuno ha deciso di ignorare l'ordinanza e si è presentato in tutta la sua bellezza. Quel qualcuno sono due delfini che, evidentemente rassicurati dal traffico portuale inensistente, si sono insinuati nel porto di Cagliari per una sorprendente, quanto eccezionale, visita ravvicinatissima.

Ad accogliere gli ambasciatori del mare, il team di Luna Rossa che, sul posto per una serie di allenamenti in vista dell'America's Cup del 2021, se li è trovati a tu per tu al molo Ichnusa. Così, mentre i due delfini continuavano a sfiorare quel molo con la tipica nuotata che li contraddistingue, le fotocamere di alcuni appartenenti il team, si sono accese e il risultato sono le emozionanti immagini diffuse sui social  che pubblichiamo. "Adesso mi tuffo e l'abbraccio". Questa, una delle frasi che si intuiscono durante le riprese, pronunciata da uno dei fortunati presenti rapito da quello spettacolo più unico che raro. "Quando il traffico marittimo si riduce notevolmente, spiega la biologa Valentina Braccia, a beneficiarne sono proprio le creature del mare, soprattutto i cetacei. L'inquinamento acustico causato dalle attività marittime, insieme a quello chimico, rappresenta una delle principali minacce per delfini e balene che possono arrivare a perdere l'orientamento". Il traffico marittimo nel Mediterraneo continua a salire. "Dal 2002 ad oggi, ha sottolineato la Braccia, è quasi raddoppiato. Con un tasso di crescita del 3/4% annuo". E allora, mentre navi e traghetti aspettano per riaccendere i motori, i delfini si sono ripresi il loro mare. Almeno per un pò. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani