Morto José Jiménez Lozano, maestro del romanzo spagnolo: vinse il premio Cervantes

Lunedì 9 Marzo 2020
 José Jiménez Lozano
 Addio a un maestro del romanzo e del racconto breve. Lo scrittore spagnolo José Jiménez Lozano, celebrato autore di una prosa improntata alla ricca oralità e fustigatore radicale del nostro tempo,  è morto oggi a Valladolid all’età di 89 anni.

Tra i più importanti romanzieri e saggisti nella Spagna postfranchista, Lozano ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra i quali, nel 2002, il Premio Cervantes, il più importante premio destinato a uno scrittore di lingua spagnola. Nel 1992 era stato insignito del Premio nazionale della letteratura spagnola. Nel 2017 Papa Francesco gli aveva conferito la Medaglia Pro Ecclesia et Pontifice 2017.

Coronavirus, Luis Sepúlveda contagiato: quando lo scrittore finisce in trincea

Lo scrittore era nato il 13 maggio 1930 a Langa, in Castiglia. Tra i libri di Lozano in italiano figurano «I quaderni di Rembrandt» (Amos Edizioni, 2014), note di pensiero, osservazioni della miseria e della meraviglia del mondo, piccole storie di fragilità e di bontà; «La ‘vera storià di Giovanni della Croce» (Mimep-Docete, 2004); «Jaume Plensa. Fiumi e cenere» (Gli ori, 2004). Autore di gran forza e vigore, spirito cristiano di vaste aperture, la sua scrittura ha combinato magistralmente la tensione meditativa del saggio con l’invenzione narrativa. L’opera, nel complesso, risulta pervasa da un’intensa spiritualità e illuminata da una speranza utopica, da una forza redentrice. Lozano è autore complessivamente di 24 romanzi, 11 raccolte di racconti e 8 volumi di poesia.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani