Incidente a Pescara nella notte: auto contro un albero, quattro morti, tra cui padre e figlio

Sabato 22 Febbraio 2020 di Rosalba Emiliozzi
Pescara, auto si schianta contro albero: quattro morti

Grave incidente stradale a Moscufo, piccolo comune vicino Pescara. Un'Audi A5 questa notte alle 2,30 ha sbandato ed è finita contro un albero, perlatro l'unico di quel rettilineo. A bordo c'erano quattro persone: sono tutte morte sul colpo. L'incidente è avvenuto in località Pischiarano. Sul posto sono intervenuti il 118, i vigili del fuoco e i carabinieri per i rilievi. Il tronco dell'albero è entrato nell'auto e l'ha tagliata in due. Per i quattro a bordo non c'è stato scampo. Gli automobilisti che seguivano l'Audi camouflage si sono subito fermati e hanno provato a prestare i primi soccorsi, ma nell'auto non c'erano segni di vita. «Ho visto i vetri sull'asfalto e l'auto accartocciata contro l'albero  - dice Giulia Pavone, 26 anni di Penne, sopraggiunta subito dopo lo schianto - ho visto l'ambulanza arrivare a sirene spente, ho subito capito che non c'era più nulla da fare».  

Le vittime sono Adriano Sborgia, 33 anni, di Moscufo, giardiniere e conducente dell'Audi, Fabrizio Cerretani di 54 anni, rappresentante e il figlio Simone di 23 anni, che vivevano a Villa Raspa di Spoltore e Maurizio D'Agostino, 50 anni, operaio di Pescara.  Erano stati a cena e tornavano da una serata passata insieme. I carabinieri stanno ricostruendo le cause dell'incidente, tra queste la velocità sostenuta. Non si esclude neanche la presenza di animali sulla strada. «In zona spesso vengono avvistati cinghiali, volpi e cervi che attraversano improvvisamente la strada» dice uno dei tanti amici delle vittime.
 

 

Nella zona dello schianto oggi è stato un via vai di parenti e amici che hanno portato mazzi di girasoli e lumini. Tre comunità sono a lutto: Moscufo, Pescara e Spoltore dove le vittime erano molto conosciute. Profondo cordoglio a Spoltore dove il sindaco Luciano Di Lorito ha postato sul suo profilo Facebook le foto sorridenti dei suoi due concittadini scomparsi e ha scritto: «Sono personalmente sconvolto per quanto accaduto la scorsa notte. È necessario un momento di riflessione per gli incidenti che accadono, con grande senso di responsabilità da parte di tutti. Sulle strade ci lasciano persone che hanno ancora molto da dare alle loro famiglie e alle nostre comunità. Ci stringiamo al dolore della famiglia Cerretani per la tragica scomparsa dei nostri concittadini, conosciuti e stimati, Fabrizio e Simone. Cordoglio anche per le altre vittime che questa notte hanno perso la vita tra Moscufo e Cepagatti».

Dopo l’ispezione cadaverica, i corpi sono stati restituiti alle famiglie. I funerali si svolgeranno per tutti lunedì 24 febbraio: l’addio ad Adriano Sborgia è alle 15,30 nella chiesa parrocchiale di Moscufo, per Simone e Fabrizio Cerretani alle 10,30 nella chiesa di San Camillo De Lellis a Villa Raspa, per Maurzio D’Agostino alle 15,30 a Pescara, nella chiesa di San Giuseppe.

 

Ultimo aggiornamento: 20:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani