Lazio-Inter, Romelu e Jordan Lukaku, quando lo scudetto è questione di famiglia

Giovedì 13 Febbraio 2020 di Valerio Cassetta
i fratelli Lukaku, Romelu e Jordan, foto Rosi
Romelu e Jordan, quando lo scudetto è una questione di famiglia.  I fratelli Lukaku domenica prossima si ritroveranno contro, un girone dopo, allo Stadio Olimpico. Il primo nell’Inter di Antonio Conte. Il secondo nella Lazio di Simone Inzaghi. Stesso cognome, stesso sogno tricolore, ma situazioni diverse. Romelu, nato in Belgio il 13 maggio 1993, è ormai un punto di riferimento dell’attacco nerazzurro e con 17 gol in campionato, al suo primo anno in Italia, insegue Immobile e Ronaldo nella classifica marcatori, fermi rispettivamente a 25 e 20 reti. Jordan, invece, esterno sinistro nato il 25 luglio del 1994, è rientrato da pochi giorni in gruppo per un infortunio al ginocchio. Un problema che lo ha condizionato find dal suo arrivo alla Lazio nel 2016. Finora si è messo in evidenza in un’unica occasione: Fiorentina-Lazio dello scorso 19 ottobre, propiziando il gol vittoria di Immobile. Insomma, momenti quasi opposti per i fratelli di Anversa, ma classifiche simili. La Lazio di Jordan è ad una sola lunghezza dalla Juventus e dall’Inter di Romelu, prime della classe con 54 punti.  Nel 2011 avevano giocato insieme nell’Anderlecht, prima di prendere strade e carriere diverse. Romelu ha vestito le maglie di Everton, Chelsea e Manchester United in Premier League, vincendo più titoli di Jordan, che ora spera di fare lo sgambetto al fratello maggiore e lottare fino a maggio per lo scudetto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua