Spoleto, aveva la patente di caccia sospesa: preso bracconiere che sparava di notte

Venerdì 24 Gennaio 2020
Armi e munizioni sequestrati dai carabinieri forestali
SPOLETO -  In località Uncinano, San Severo e Ocenelli  a seguito di segnalazioni da parte dei cittadini sono stati svolti nelle ultime settimane mirati servizi antibracconaggio da parte di più pattuglie dei Carabinieri Forestale.
I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Spoleto dopo un’attenta indagine  sono riusciti a cogliere in flagranza di reato un soggetto a cui la questura non aveva rinnovato licenza di porto d’armi.
L'uomo, nonostante il ritiro, continuava ad esercitare attività venatoria in orari notturni. Al momento del fermo veniva sottoposto a perquisizione il veicolo da cui risultava in possesso di fucile semiautomatico,  centodue cartucce calibro 12 caricate con munizionamento spezzato e due esemplari di tordi uccisi.

Successivamente anche l’abitazione veniva sottoposta a perquisizione da cui i militari rinvenivano altre armi e cartucce che il bracciniere non poteva detenere. Anche il figlio è statod enunciato per omessa custodia delle armi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi