Rigopiano, spunta l'ex indagato che assolve i colleghi

Mercoledì 22 Gennaio 2020
I familiari delle vittime di Rigopiano
Anche un indagato che assolve i colleghi. Non cessa di partorire sorprese la montagna di carte delle inchieste sulla tragedia di Rigopiano; l’ultima salta fuori da una nuova denuncia presentata dall’avvocato di Gianluca Tanda, presidente del comitato familiari delle vittime, e punta il dito contro una lettera dell’11 ottobre 2018 a firma dell’ingegnere Silvio Liberatore, dirigente della protezione civile, uno dei 22 indagati del filone regionale freschi di archiviazione. Altro che tardiva convocazione del Core (il comitato regionale per l’emergenza), scrive Liberatore rispondendo a una richiesta dei carabinieri forestali, «agli atti di questo ufficio risulta un' unica convocazione del Core, effettuata in data 18/1/2017 a firma del presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso». È, secondo l’avvocato Romolo Reboa, che chiede alla procura di riaprire le indagini sul punto, l’atto decisivo per l’archiviazione di politici e dirigenti regionali dall’accusa della tardiva convocazione del Core.
«E chi sottoscrive - spiega Gianluca Tanda - tale documento utilizzato dagli inquirenti per affermare l’irrilevanza della tardiva convocazione? È Silvio Liberatore, il dirigente indagato e poi archiviato dal gip Colantonio su richiesta della procura».

Al di là del paradosso, leggendo in controluce gli atti, Tanda e il suo avvocato hanno scoperto un’altra anomalia nella ricostruzione avallata dagli inquirenti. Non regge al riscontro documentale la tesi della mancanza di precedenti convocazioni del Core. È in tutto e per tutto assimilabile a questo organismo, secondo il sito ufficiale della Regione Abruzzo, il Comitato tecnico operativo riunito dall’allora presidente Chiodi il 7 febbraio del 2012, in occasione dell’eccezionale nevicata di quell’anno. Un precedente al quale si lega peraltro la dura polemica dell’opposizione del tempo, con il senatore Giovanni Legnini che accusò pubblicamente la giunta regionale di essersi attivata con 72 ore di ritardo rispetto all’emergenza. A parti invertite, la giunta regionale guidata da D’Alfonso avrebbe invece beneficiato della dichiarazione di Silvio liberatore, che dietro la rivendicazione del primato nasconde un ritardo di almeno sei giorni nell’attivazione del Core. La riunione, vale la pena ricordare, avvenne alle 15,30 del 18 gennaio 2017, meno di un’ora prima della valanga di Rigopiano, e molte ore dopo le disperate richieste di aiuto partite dall’hotel. Ultimo aggiornamento: 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua