RAGGI

«Raggi e Severini come Sandra e Raimondo», il siparietto della coppia su Facebook

Martedì 21 Gennaio 2020 di Pier Paolo Filippi
La replica della sindaca al marito
Virginia Raggi e Andrea Severini “come Sandra Mondaini e Raimondo Vianello”.  È venuto naturale a più di una persona accostare la sindaca di Roma e suo marito alla storica coppia dello spettacolo italiano e alle sue celebri gag dopo il siparietto andato in scena su Facebook. A dare il là, un post di Severini dedicato alle virtù della bicicletta. «Questi due giorni sono andato in giro con la mia prima bici, quella che ho scelto quando ho deciso di abbandonare la moto e muovermi più ecologicamente possibile – ha scritto il “first gentleman” - Matteo é andato a scuola con la mamma visto che miracolosamente aveva la mattina presto libera».

Roma, M5S dice no a discarica a Monte Carnevale: Virginia Raggi in minoranza
Salvini attacca la Raggi: «Bus a fuoco, auto ferme: salviamo i romani». E lei: «Vai a lavorare»



A stretto giro è arrivata una replica della Raggi, forse preoccupata che qualcuno potesse accusarla di trascurare i lavoro da sindaca leggendo che ieri era libera. «Ma esattamente che avevo la mattina libera chi te l'ha detto? Perché alle 9:30 ero in Campidoglio per aprire lavori di un seminario…», ha risposto la Raggi dal suo profilo privato, facendo seguire al messaggio tre emoji con le faccine “perplesse”. Un piccolo rimbrotto per il marito, che però ha subito risposto e precisato di aver scritto “mattina presto”, aggiungendo, dopo un cuoricino dedicato alla moglie, “neanche leggi?”. Divertite le reazioni degli amici social della coppia. Tanti li paragonano appunto a Sandra e Raimondo e c’è che gli suggerisce di aprire un profilo Facebook di coppia.

«Tra moglie e marito non mettere il dito», commenta scherzosamente un altro amico. In ogni modo, ancora una volta il marito della sindaca ha sottolineato su Facebook quanto poco tempo Virginia Raggi riesca a stare in famiglia a causa dei suoi impegni. Dalla mattina presto, come in questo caso, fino alla sera tardi, come aveva testimoniato nei mesi scorsi, postando, sempre di note, una serie di foto malinconiche come un letto vuoto, pasti consumati solo a metà, seguiti da didascalie tra il triste e l’ironico come “anche oggi torni domani”. Ultimo aggiornamento: 19:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi