Rieti, gli appuntamenti del weekend
in città e in tutto il Reatino

Sabato 18 Gennaio 2020
RIETI - Gli appuntamenti del fine settimana in tutto il Reatino.

Feste per Sant’Antonio abate in ogni angolo della provincia nel fine settimana. Nella Sabina rurale la festa di Sant’Antonio abate è sempre stata una delle ricorrenze tra le più sentite nelle comunità contadine e non solo: la tradizione della benedizione, le usanze di un tempo rivivono in questa prima parte dell’anno. La ricorrenza è caduta venerdì 17, ma in alcuni paesi si preferisce celebrarla oggi o domenica. Tra preparazione e festa vera e propria c’è anche chi estende a più giorni l’evento come Torri in Sabina, dove il momento clou è domenica mattina, con la banda e le majorettes ad accompagnare la processione prima delle benedizioni dei mezzi agricoli e degli animali. A Casperia, domenica pomeriggio, la processione la benedizione e la distribuzione di ciambelle e tortoli prima dello spettacolo pirotecnico. A Forano la festa è domenica, come a Roccantica, dove è prevista nel tardo pomeriggio anche l’estrazione di una lotteria. Festa in località Sant’Antonio, domenica pomeriggio, a Poggio Mirteto Scalo. A Leonessa alle 10 di domenica, parte la passerella degli animali verso piazza VII Aprile, per la benedizione e, a seguire, una sorpresa gastronomica. A Posta, la festa di Sant’Antonio abate organizzata dalla Confraternita di Sant’Antonio, associazione nata nell’800, vuol dire tradizione e, domenica, si rinnova nella sfilata delle stanghe. I festeggiamenti in onore di Sant’Antonio abate si svolgono oggi pomeriggio a Catino e domenica a Poggio Catino. Così come a Fara in Sabina e nelle sue frazioni. Un cliché molto simile quasi ovunque: processioni col santo accompagnate dalle bande musicali, la benedizione di animali e mezzi agricoli e poi la distribuzione di ciambelle e rinfreschi.

Questa sera alle 21 a Forano, nella chiesa della Santissima Trinità, il concerto di ottoni a cura della Ars Musicae.

Proseguono a Casperia le visite guidate al cantiere di restauro della preziosa tela dell’Annunciazione, dipinta nel Seicento da Giovanni Battista Salvi, più noto come il Sassoferrato. La prossima visita è in programma oggi. Per ogni giornata ci saranno due appuntamenti: uno mattutino alle 11 e un secondo pomeridiano, alle 15. La prenotazione dovrà avvenire entro 24 ore prima tramite posta elettronica all’indirizzo e-mail: culturaturismo.casperia@gmail.com (oggetto “Visita Sassoferrato”), indicando il numero e i nominativi delle persone che intendono partecipare alla visita, l’orario di visita prescelto e un recapito telefonico per eventuali comunicazioni. Per ciascuna visita saranno ammessi un massimo di venticinque visitatori e la durata di visita sarà di circa 45 minuti. Le visite si svolgono all’interno della chiesa della Santissima Annunziata. Il restauro da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti, avviene nella stessa chiesa dove l’opera è custodita. L’iniziativa è nata con l’intenzione di coinvolgere i visitatori in uno dei momenti più cruciali della vita di un manufatto artistico, così da estendere la valorizzazione e la fruizione anche al suo percorso conservativo, generalmente condotto a porte chiuse. Proprio per questo l’opera è visitabile dal pubblico che si recherà nella chiesa della Santissima Annunziata, seguendo dal vivo le fasi di recupero, che procedono attraverso le singole fasi.
Oltre a quella di oggi, sono in programma altre giornate per le visite, vale a dire sabato 15 febbraio e sabato 7 marzo. Il progetto “Restauro Aperto” del dipinto su tela che orna l’altare maggiore della chiesa di Casperia è uno dei rarissimi esempi di lavori di restauro visibili durante l’esecuzione al pubblico che può seguirne tutte le sue fasi.

La manifestazione dei “Cavalli infiocchettati” avrà il suo clou a Rieti nel prossimo fine settimana, fino alla tradizionale sfilata di domenica 26 gennaio. Ma le iniziative partono già nel corso della prossima settimana. Tra queste, martedì 21 gennaio, in collaborazione con la Cascina Boalecchia, giornata per tutti i piccoli diversamente abili. Dalle 10 alle 18, i bambini potranno curare e trascorrere una giornata con i cavalli.

Mostra “Sincronica” di Paolo Vanda, con i lavori dell’artista esposti oggi a Montenero. Una mostra che coinvolgerà altri due comuni del Reatino: le opere saranno visitabili sabato 25 gennaio a Casaprota e il sabato successivo, primo febbraio, a Mompeo. Si tratta di sei lavori: fogli di carta spessa, prima dipinti, poi tagliati in tanti pezzi, più o meno della grandezza del palmo della mano, e infine spillati tra loro, che creano suggestive composizioni di circa 200x250 centimetri ognuna.
A Roccantica presentazione del libro “Anima Naturale” di Emiliano Romeo. L’appuntamento è oggi alle 18, presso l’Ostello del tempo perso.

Danza contemporanea al teatro Flavio Vespasiano di Rieti, promossa da Comune di Rieti e Atcl. Domenica alle 18 va in scena “Vivaldi variations”, progetto di coproduzione internazionale in collaborazione e produzione tra Spellbound Contemporary Ballet, Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Orchestre de Chambre de Luxembourg con il contributo del Mibact. In omaggio al violinista e compositore barocco Antonio Vivaldi, i due coreografi, il lussemburghese Jean-Guillaume Weis e l’italiano Mauro Astolfi, si immergeranno nell’opera e nella vita del musicista per metterne in scena i rispettivi pensieri ed emozioni, nonché i diversi approcci artistici. “Vivaldi Variations” è una serata in due parti, eseguita da una sola compagnia di danza, Spellbound Contemporary Ballet. Lo spettacolo sarà preceduto (alle 17) dall’incontro “Vivaldi: Musica e Danza” a cura di Gianfranco Formichetti. Le coreografie sono di Mauro Astolfi. Biglietti in promozione per le scuole di danza e per gli abbonati alla stagione di prosa. I tagliandi sono in vendita, oltre che sul circuito ticketone, al botteghino del teatro, domenica, aperto al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua