Pizzaiolo di Isola Liri morto in un incidente, si attende la fissazione dei funerali

Venerdì 17 Gennaio 2020 di Gianpiero Pizzuti
La salma di Simone Maini  il pizzaiolo deceduto in un incidente stradale, resta a disposizione del magistrato, che non ha ancora rilasciato il nulla osta per fissare la data dei funerali, che , con molta probabilità, verranno celebrati a Strangolagalli, dove il popolare Simonino viveva con mamma e papà.

Esce di strada e finisce contro un albero: muore "Simonino", pizzaiolo di Isola del Liri

Isola del Liri si è svegliata con la morte nel cuore ieri mattina, la saracinesca abbassata della sua pizzeria ed i fiori di chi ha voluto lasciare un pensiero, in una città in lutto. Simone Maini, il pizzaiolo schiantatosi contro un albero l'altra notte, non era di Isola del Liri; aveva acquistato la pizzeria lungo il corso principale un paio di anni fa, facendosi subito apprezzare dalla comunità per le sue indubbie doti umane.

Ad Isola del Liri, lungo Corso Roma, di fronte piazza De' Boncompagni, un pellegrinaggio continuo, incessante, ceri, lumini, fiori davanti a quella che sino a ieri era la sua pizzeria, il suo regno : «Affabile, sorridente, amava scherzare scrive in una nota Don Alfredo Di Stefano educato e corretto. Condivideva con piacere ogni occasione di festa. Ora Simonino non resta che abbracciare forte la tua mamma, che era sempre lì con te, dietro il bancone e nei nostri cuori tu ci sarai sempre, tu ci sarai ancora». Simone Maini avrebbe compiuto 40 anni il 28 febbraio, era alla guida della sua nuova Fiat 500 cabrio, a pochi passi da casa la sua vita si è interrotta contro un albero, in un giorno qualunque della sua breve esistenza. Ad Isola del Liri un autentico tributo a Simonino, in tutte le plance cittadine, comitati, commercianti, amici hanno fatto affiggere un necrologio per lui, un pensiero a chi forse non pensava di essere così amato una comunità. Sarà difficile pensare alla sua pizza e alla sua pizzeria senza scorgerlo da dietro il banco. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi