Pescara, investì e uccise l'ex sindaco Carlo Pace: condannato a 8 mesi

Mercoledì 11 Dicembre 2019 di Stefano Buda
Si chiude con una condanna a 8 mesi di reclusione il procedimento a carico dell’automobilista di 67 anni, accusato di omicidio stradale, per avere investito l’ex sindaco di Pescara Carlo Pace provocandone il decesso. La tragedia si consumò nel pomeriggio del 27 marzo 2017, quando Pace, che stava attraversando la strada in via Silvia Pellico, venne travolto da un’auto. Il conducente del mezzo prestò immediatamente i soccorsi, l’ex sindaco fu trasferito di corsa in ospedale, ma morì il giorno dopo a causa dei traumi riportati. Ieri mattina l’automobilista è stato giudicato con il rito abbreviato e il gup Elio Bongrazio ha disposto nei suoi confronti anche la sospensione della patente per un anno e mezzo. Contestualmente ha riconosciuto le attenuanti generiche e la diminuente prevista per il concorso di colpa della persona offesa, che stando ai rilievi non avrebbe attraversato sulle strisce pedonali. Se ne saprà di più il 10 marzo, quando saranno rese note le motivazioni della sentenza.  © RIPRODUZIONE RISERVATA