"Keys to Italy", un film sulla dieta mediterranea con Peppe Servillo

Martedì 15 Ottobre 2019
BOLOGNA – Un film per raccontare la “scoperta” della Dieta Mediterranea, ma anche e soprattutto l’estrema attualità dei suoi valori scientifici e culturali, dei suoi stili di vita: si intitola “Keys to Italy”. Una storia italiana. cibo, cultura, amore.  Il film scritto e diretto dal regista statunitense Andrew Fierberg è realizzato da un soggetto originale firmato da Andrew Fierberg e dagli antropologi Marino Niola e Elisabetta Moro, presentato oggi nell’ambito di Bologna Award Festival 2019. Il film è prodotto da Studio Fierberg per gli USA e da Okta film per l’Italia. Il progetto cinematografico è stato sviluppato con il sostegno di CAAB, Centro Agroalimentare di Bologna e Fondazione FICO.  “Keys to Italy” punta a ripercorrere la vicenda dei coniugi Keys che, verso la fine degli anni Cinquanta in Cilento, “scoprirono” le virtù e i benefici dell’alimentazione delle popolazioni locali, coniando la definizione di “Dieta Mediterranea” attraverso una pubblicazione chiave, il libro “Eat Well and Stay Well - The Mediterranean Way” (1959), accolto da immediato e diffuso successo. La rivista americana Time dedicò ad Ancel Keys, biologo e fisiologo statunitense, la copertina del numero di gennaio del 1961.

Nel 2004 Keys fu insignito dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi della Medaglia al Merito per la salute pubblica, per i suoi studi e per la divulgazione sugli effetti positivi della Dieta Mediterranea nell’alimentazione dell’uomo. E nel 2010 la Dieta Mediterranea è diventata Patrimonio immateriale dell’Unesco.
«Raccontare oggi il lavoro e le scelte di vita dei Keys in un film di fiction dalla narrazione moderna e accattivante – spiega il regista Andrew Fierberg – può offrire la ‘chiave’ per raccontare una storia che non è solo rilevante oggi, ma che può cambiare il nostro futuro. L’Italia svolge un ruolo chiave per tutto quello che ruota intorno al cibo e il turismo alimentare può contribuire a ricostruire un'economia sostenibile. La nostra idea è di sviluppare questa visione usando come base il concept della Dieta Mediterranea: un patrimonio culturale enorme, forte di significati e valori condivisi legati alla cultura, all’ambiente, alla salute, alla società e al tessuto produttivo».

E, in occasione della presentazione di Bologna, è annunciata una parte del cast di “Keys to Italy”. Fra i personaggi, la nota attrice americana Barbara Hershey, già protagonista di memorabili pellicole hollywoodiane. Hershey interpreterà Bridget, un’affermata ricercatrice scientifica statunitense. Nel ruolo protagonista di Pasquale troviamo il giovane e talentuoso attore Andrea Arcangeli, classe 1993, già noto per le sue numerose interpretazioni in film come "Partly Cloudy di Marco Pontecorvo con John Turturro, e "The Start Up", diretto dal regista Alessandro D'Alatri; e in programmi televisivi "Trust", diretto da Danny Boyle, scritto da Simon Beaufoy e co-prodotto da Christian Colson per il canale FX. Accanto a lui due grandi nomi del cinema e dello spettacolo italiano: Renato Carpentieri, già attore per Gianni Amelio, Mario Martone, Nanni Moretti, Roberto Andò e Daniele Lucchetti, tra gli altri, impegnato nel ruolo di Mario, lo zio del giovane Pasquale; e Peppe Servillo, artista poliedrico che nel film sarà Enzo, un personaggio dai trascorsi tormentati. Le riprese del film sono previste per la primavera del 2020.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma