Turista arrestata e multata per aver indossato un bikini a “spago”. Lei spiega: «È una forma d’arte»

Lunedì 14 Ottobre 2019 di Alix Amer
1

Una turista è stata arrestata dopo che il suo bikini definito a “spago” ha provocato indignazione nelle Filippine. La giovane ha affermato che si trattava di una “forma d’arte”. I poliziotti hanno fatto in modo che Lin Tzu Ting, 26 anni, si coprisse immediatamente con pantaloncini e maglietta, dopo essere stata vista sfilare nel suo costume da bagno due giorni consecutivi sull’isola di Boracay. L’hanno fermata, arrestata e multata.

Demi Lovato si mostra su Instagram senza ritocchi: «Non mi vergogno più del mio corpo»

Secondo quanto riferito, il personale dell’hotel l’aveva avvertita il primo giorno che il suo costume - tre fili di tessuto bianco legati con lo spago - non era appropriato al luogo. Ma lei lo indossò di nuovo il giorno seguente, quando alcuni abitanti hanno chiamato la polizia. Non contenti, hanno persino pubblicato immagini della giovane online che mostrano la sua passeggiata sulla spiaggia mano nella mano con il suo fidanzato.
Secondo quanto riferito, Lin ha detto alla polizia che il suo bikini era una “forma d’arte” ed “espressione personale”, mentre il suo ragazzo ha spiegato che “è normale nel nostro paese”.

Heidi Klum in topless su Instagram, pioggia di offese: «Non hai più l'età»

Ma gli agenti non hanno voluto sentire spiegazioni hanno multato Lin: 2.500 pesos (£ 38,50). Il capo della polizia, il maggiore Jess Baylon, ha spiegato «diversi residenti e turisti hanno scattato foto di lei mercoledì e giovedì per quello che indossava. Era letteralmente una stringa. Nella nostra cultura conservatrice, è inaccettabile». Il suo ragazzo ha ribadito «è normale per noi nel nostro paese ed è stato il suo modo di esprimersi». Pronta la risposta: «Ma i loro costumi e tradizioni non sono gli stessi nel nostro paese. Devono rispettare la nostra cultura e tradizione e il nostro decoro». A Lin e al suo ragazzo è stato permesso di tornare a casa a Taiwan dopo aver pagato la multa venerdì.
 


Ora la polizia sta esortando gli hotel ad avvisare i visitatori di vestirsi in modo adeguato. Natividad Bernardino, capo del gruppo di gestione e riabilitazione inter-agenzia di Boracay (Biamrg), ha dichiarato: «I turisti stranieri dovrebbero osservare il decoro adeguato come una forma di rispetto per la cultura e la tradizione filippina. Abbiamo i nostri valori culturali come filippini e asiatici. Dovrebbero essere in grado di rispettarli. Non esiste un codice di abbigliamento, ma è solo buon senso».
La spiaggia di Boracay è stata chiusa il mese scorso dopo che un turista è stato visto seppellire il pannolino sporco di suo figlio nella sabbia. È stata chiusa una parte, una sezione, in modo che l’area potesse essere pulita, con la polizia che cercava i turisti in questione. 

Ultimo aggiornamento: 17:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma