ROMA

Cucchi, il pm attacca: «I carabinieri si sono divertiti a picchiarlo, depistaggio scientifico»

Venerdì 20 Settembre 2019
3
 Cucchi, il pm attacca: «I carabinieri si sono divertiti a picchiarlo, depistaggio scientifico»

«Un pestaggio degno di teppisti da stadio contro una persona fragile e sottopeso». Poche parole che bastano a sintetizzare la lunga requisitoria, durata quasi otto ore e ancora incompleta, del pm Giovanni Musarò nell'aula bunker di Rebibbia al processo sulla morte del giovane detenuto romano Stefano Cucchi

Caso Cucchi, appello di Casamassima a Di Maio: «Io, trasferito e isolato per aver detto la verità»

Una vicenda giudiziaria che per il pubblico ministero è stata segnata da un «depistaggio scientifico» e cominciata nel 2010 con un primo «processo kafkiano», quello agli agenti della penitenziaria, poi assolti, e proseguita con i procedimenti a carico dei medici. Ma a distanza di nove anni ora tutto è cambiato. Gli imputati alla sbarra sono cinque carabinieri, in particolare Raffaele D'Alessandro, Alessio Di Bernardo e Francesco Tedesco, accusati di omicidio preterintenzionale.

È stato proprio quest'ultimo a segnare, con la sua testimonianza nel 2018, la svolta nel processo bis accusando i suoi due colleghi del pestaggio nella stazione della compagnia Casilina. Gli altri due militari dell'Arma imputati sono Roberto Mandolini e Vincenzo Nicolardi, il primo accusato di calunnia e falso, il secondo di calunnia. Intercettazioni, documenti, testimonianze: il pubblico ministero - a fianco del quale sedeva per l'occasione anche il procuratore di Roma facente funzioni, Michele Prestipino - ha ripercorso davanti alla Corte d'Assise gli elementi decisivi che porteranno alle sue richieste di condanna il prossimo 3 ottobre, quando terminerà la requisitoria. Il pubblico ministero si è soffermato su alcune figure chiave.

Uno fra questi è Luigi Lainà, che incontrò Cucchi nel centro clinico di Regina Coeli. «Si sono divertiti a picchiarlo», ha detto Musarò usando le parole del detenuto. È proprio a Lainà che Stefano ha lasciato questa «sorta di testamento, dicendogli - ha proseguito il pm - che a picchiarlo sono stati due carabinieri in borghese della prima stazione da cui è passato. Cucchi ha parlato con la voce di Lainà». 
 

Ma il ruolo più importante è stato quello di Francesco Tedesco, il carabiniere imputato che dopo quasi dieci anni ha ammesso il pestaggio che avrebbero commesso i due colleghi e al quale ha riferito di aver assistito. «In questo processo lui è l'unico che ci ha messo la faccia. Quello che ha fatto Tedesco è grave: false dichiarazioni al pm, falso verbale e altro. Ma lui si è trovato di fronte un muro», ha spiegato il pm ricordando le parole di Cucchi riferite da Lainà: 'Quello in divisa è stato la mia salvezza'. Sarebbe stato proprio Tedesco - secondo le sue dichiarazioni - a fermare i colleghi D'Alessandro e Di Bernardo mentre picchiavano Stefano. Nonostante ciò, Cucchi morì pochi giorni dopo.

«Le lesioni più gravi sono state prodotte dalla caduta di Cucchi, dopo il violentissimo pestaggio - ha spiegato Musarò - Quella caduta gli è costata la vita, si è fratturato due vertebre». Da allora si sono moltiplicati solo dubbi e incongruenze, emersi da verbali e referti, da cui è scaturito un ulteriore filone di inchiesta, che ora - in un altro procedimento - vede imputati per depistaggio altri otto militari dell'Arma. Un procedimento diverso ma le cui vicende sono legate inevitabilmente a questo processo. »Il verbale di arresto di Stefano è stato il primo atto scientifico di depistaggio«, ha detto Musarò. In attesa della sentenza prevista a novembre, Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, non ha contenuto la sua commozione: «Comunque vada, lo Stato è con noi. Mi piacerebbe tanto che Stefano potesse aver sentito le parole del pm Musarò. Penso che oggi sarebbe felice».

Ultimo aggiornamento: 19:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma