Lodi, bambino cade dal balcone: Angel, ragazzo-eroe, si tuffa e lo salva. Il piccolo era solo in casa

Sabato 14 Settembre 2019
8
Lodi, vede bambino che cade dal balcone: si lancia dal tetto del furgone e lo afferra al volo

Miracolo nel Lodigiano dove un giovane - Angel - è riuscito a salvare con un balzo nel vuoto un bimbo di 4 anni che, attaccato alla balaustra di un balcone, a un certo punto non ce l'ha fatta più e si è lasciato cadere. Era solo in casa ed è scivolato. Per fortuna è rimasto illeso: per precauzione è in osservazione in ospedale. A Casalmaiocco, piccolo centro nella campagna lodigiana, sono appena passate le 9 quando i dipendenti e i clienti di un distributore con autolavaggio sentono le grida disperate di un bambino

Novi Ligure, bimbo di otto anni precipita dal sesto piano e muore: soffriva di disturbi della personalità
Roma, bimbo cade dal 4° piano alla Giustiniana: tragico incidente, era con mamma e nonna

Alzano la testa e lo vedono aggrappato all'esterno della balaustra in cemento di un balcone, al secondo piano di una palazzina confinante, con l'area di servizio. «Aiuto, aiuto mamma», urla il bambino. Le persone che si trovano sul posto cercano una soluzione, ma chi non ci pensa due volte è Angel Micael Vargas Rodriguez. Ha 20 anni, è uno studente lavoratore di origini argentine e, come racconteranno poi i suoi familiari, «è stato educato a aiutare il prossimo nel momento del bisogno». 

In più, il coraggio non gli manca. Prende un furgone Mercedes che ha appena finito di lavare, lo posiziona esattamente sotto il balcone, sale sul tettuccio e pensa di stare lì a aspettare tra le sue braccia il piccolo, che non ce la fa più, si vede, a tenersi con le mani alla balaustra. Ma le cose vanno diversamente. Il bambino infatti si muove. Non ce la fa più a reggersi e precipita. Sono frazioni di secondo. Angel ha la prontezza di buttarsi dal furgone, afferrarlo in aria per poi cadere a terra insieme a lui, proteggendolo con il suo corpo. Gli salva la vita. I due vengono trasportati in ospedale, ma Angel - che ha riportato ferite al mento, a una mano e, soprattutto, a un ginocchio - non vuole farsi curare prima di essere rassicurato sulle condizioni del bambino. Dirà, poi, «sto bene, sto bene», anche se fatica a camminare. 
 


«Noi abbiamo un vero e proprio angelo in famiglia - dice Miguel Angel Vargas il padre del ragazzo - lo sappiamo bene. Io ho sempre cercato di inculcargli valori cattolici. Siamo molto credenti. Mio figlio Angel ha anche frequentato da piccolo, in Argentina, una scuola cattolica gestita dalle suore. E arrivato in Italia, 12 anni fa, non ha mai dimenticato gli insegnamenti con alla base l'aiuto al prossimo. Se lo chiamano di notte amici o conoscenti che hanno bisogno di aiuto, lui si alza dal letto e va a aiutarli. È un figlio davvero speciale». «Mio fratello non si risparmia mai. Se vede qualcuno in difficoltà lo aiuta senza remore. Lui c'è sempre», sottolinea Angie Melisa Vargas Fernandez, la sorella. 

In seguito alle indagini dei carabinieri di Lodi ora la Procura della Repubblica ha aperto un'inchiesta per abbandono di minori dopo che è emerso che il bimbo era stato lasciato solo in casa al momento della caduta. Il procuratore della Repubblica Domenico Chiaro preannuncia anche la segnalazione dei fatti al Tribunale dei minorenni. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma