Scomparsi a Piacenza, un amico di Massimo confessa: «Diceva "La voglio, ma lei non ne vuole sapere"»

Giovedì 5 Settembre 2019

Lui sarebbe stato innamorato di lei, ma lei non ne voleva sapere. Questo è quello che ha raccontato un amico di Massimo Sebastiani sul rapporto che aveva con Elisa Pomarelli. Dei due non si hanno più notizie dal 25 agosto, quando sono scomparsi nel nulla, anche se qualcuno dice di aver visto Massimo aggirarsi nei boschi di recente. Nessuna notizia si ha invece su Elisa e si teme il peggio.

Coppia scomparsa, i Ris nella casa "degli orrori": «Sembra l'appartamento di un pazzo»

 

 

«Diceva "La voglio, la voglio, ma lei non ne vuole sapere e siamo soltanto amici"», ha raccontato uno degli amici di Massimo a  a ‘Radio Sound'. I suoi compagni da tempo avevano notato quella che era diventata una vera ossessione nei confronti della donna e tutti hanno provato a dissuaderlo dicendo di lasciar stare questo rapporto e di andare oltre. L'uomo sarebbe stato molto innamorato di Elisa, la quale però non ha mai ricambiato gli stessi sentimenti, così i due avevano raggiunto una specie di equilibrio con una bella amicizia, almeno così sembrava.

«Passavano parecchio tempo insieme e lui l’accompagnava tra i campi a bordo del trattore mentre svolgeva i suoi lavori. Lui sperava che un domani lei cedesse al suo amore», continua l'amico, ma i due si conoscevano da tre anni senza che, di fatto, sia mai cambiato nulla nel loro rapporto. Ora il sospetto è che Massimo possa aver fatto del male ad Elisa e a riguardo l'amico si dice scioccato: «Mi viene da credere che lui abbia agito avendo perso la ragione, senza rendersi conto della gravità di ciò che ha fatto. Va detto che lui mi è sempre sembrato equilibrato, magari un po’ eccessivo nell’esprimersi». L'amico infatti crede che l'ipotesi più plausibile, conoscendolo, è che possa averla sequestrata non credendolo in grado di fare del male.
 

Ultimo aggiornamento: 16:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani