CRISI DI GOVERNO

Governo, la mossa di Delrio: «Deve trattare Conte, non ci sono veti su di lui»

Martedì 27 Agosto 2019 di Simone Canettieri
2
Governo, Delrio: «Deve trattare Conte, non ci sono veti su di lui»

Graziano Delrio, capogruppo della Camera del PD, vede un'uscita dalla crisi solo se tratta Conte e non Di Maio. Alla domanda del Messaggero se deve essere proprio il premier a trattare con il PD, Delrio spiega: «Certamente, non ci sono veti sul premier». Delrio, poi, uscendo dalla riunione con i big del partito ha detto: «Speriamo che qualcuno lo riprenda in mano, perché adesso di tempo da perdere non ce n'è più. Il Paese aspetta risposte serie, non ci interessa discutere di posti e poltrone».

LEGGI ANCHE Governo, Ruocco: «Adesso ci affidiamo a Conte e al suo buon senso»

«C'era un dialogo e dei passi successivi già programmati - ha proseguito l'esponente dem -, è stato tutto bruscamente interrotto. Noi da giorni stiamo lavorando per fare proposte serie, per un governo solido, un governo di svolta sugli argomenti come l'emergenza ambientale, il tema del lavoro, delle famiglie, della sostenibilità. Non capiamo perché il percorso si sia interrotto».
 

Alla domanda sulle difficoltà della trattativa con il M5S ha aggiunto: «Rimane il problema di mettersi a sedere, di parlare delle cose che interessano al Paese, non di preoccuparsi delle ambizioni personali. Sono tre giorni che stiamo producendo dati e documenti e non riusciamo a trovarci insieme. Io non voglio una cosa fatta male». Ad ogni modo, se la trattativa si è arenata, la responsabilità è dei 5 Stelle: «Chi ha interrotto il dialogo - ha indicato Delrio - non siamo stati noi, la riunione è stata annullata da loro». 

 

Ultimo aggiornamento: 18:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani