Baby gang aggredisce a calci e pugni un ambulante: fermati tre minori

Domenica 25 Agosto 2019
4
Baby gang aggredisce a calci e pugni un ambulante: fermati tre minori

Tre minori, uno di 16 e due di 15 anni, sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per l'aggressione al venditore ambulante del Bangladesh di 39 anni aggredito, nella notte tra l'11 ed il 12 agosto scorsi, da una baby gang in via Orsini a Napoli. Gli agenti della polizia sono risaliti a loro anche grazie all'analisi di alcune immagini di impianti di videosorveglianza installati in zona. La vittima fu accerchiata dal gruppo di ragazzini (tutti residenti nella zona dei Decumani) che voleva impossessarsi di un cover per telefonini. Il venditore ambulante, che era in compagnia di un suo connazionale, reagì e fu aggredito a calci e pugni e colpito con una pietra riportando delle gravi lesioni al volto.

LEGGI ANCHE  Napoli, baby gang aggredisce a sassate un immigrato: grave, caccia al branco

L'uomo è stato curato all'ospedale «Cardarelli» di Napoli. Nei giorni scorsi gli agenti del commissariato San Ferdinando e quelli della Squadra mobile hanno eseguito numerose perquisizioni e sentite diverse persone. L'indagine è coordinata dalla Procura della Repubblica per i Minori di Napoli. Gli agenti del gruppo per il contrasto alle bande giovanili violente, struttura investigativa specialistica della Squadra Mobile e quelli del commissariato 'San Ferdinandò (coordinati dai vicequestori Nunzia Brancati e Stefano Ravel) nel corso delle perquisizioni, come si apprende da una nota della questura diffusa nella giornata di oggi, hanno sequestrato alcuni capi di abbigliamento e dei telefoni.

Successivamente sono stati interrogati diversi minori sospettati, assistiti dai legali e dai genitori, e sono stati ascoltati numerosi testimoni. Sono stati eseguiti riconoscimenti fotografici ed individuazioni di persona. Una indagine complessa (coordinata dai sostituti della procura per i minori di Napoli, Fabrizia Pavani e Ugo Miraglia del Giudice) che nella giornata di ieri mattina ha portato ad una prima svolta con l'emissione del provvedimento di fermo di tre giovani indiziati. Ma l'indagine è ancora in corso per giungere all'identificazione di eventuali altri responsabili del fatto.

Ultimo aggiornamento: 16:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma