LUIGI DI MAIO

Reddito cittadinanza, è scontro. Lega: «70% lo prende senza diritto». M5S: «Cretinata»

Mercoledì 14 Agosto 2019
3
Reddito cittadinanza, lite Lega-M5S: «70% lo prende senza diritto». «Cretinata»

Volano gli stracci tra gli oramai quasi ex alleati di governo. La Lega cerca di liberare il campo dalla 'scusà del rischio aumenti Iva per non andare al voto e prende di mira la misura di bandiera del Movimento 5 Stelle, il Reddito di cittadinanza, che pure ha votato, perché frena le assunzioni e fa registrare «il 70%» di irregolarità. E i 5 Stelle salgono sulle barricate, accusano il Carroccio di dire «cretinate» e difendono a spada tratta il provvedimento che ha consentito «a 905 mila famiglie di guardare al futuro». Numero che dall'ultimo aggiornamento Inps salirebbe a 1,4 milioni di domande (922.487 sono state accolte).

Governo, Salvini conferma: il 20 sfiduceremo Conte

A lanciare il sasso è il viceministro all'Economia Massimo Garavaglia che, anche in una intervista a Italiaoggi, parla di primi controlli dai quali starebbe emergendo che «il 70%» degli attuali percettori del Reddito non ne avrebbero diritto. Si tratta, spiega, ancora di dati grezzi che starebbero però emergendo dalle verifiche del «nucleo speciale spesa pubblica della Guardia di Finanza», che poi vanno incrociati con i dati sul territorio. L'intenzione della Lega non sarebbe comunque, come assicura lo stesso Matteo Salvini, quello di cancellare lo strumento ma di sottoporlo a una ampia revisione, per farlo diventare, aggiunge il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon, un «vero strumento di politica attiva».

L'idea sarebbe ad esempio quella di modificare il parametro dell'offerta di lavoro da considerare «congrua» perché scatti l'obbligo di accettarla, che andrebbe valutata su base «giornaliera» anziché mensile. In seconda battuta andrebbero anche rafforzati gli incentivi alle imprese che assumono i percettori del Reddito, con un «abbassamento pesante del cuneo», dice ancora Garavaglia. Il Movimento è «il primo» che vuole controlli puntuali per fare in modo che «i soldi del reddito vadano solo a chi ne ha davvero diritto» ma «i numeri di Garavaglia non sono veri», attacca l'altro viceministro all'Economia, la 5S Laura Castelli. Si tratta, incalza anche il Movimento sul blog «della più grande cretinata mai sentita» da parte del «sottosegretario a corrente alternata Garavaglia (non abbiamo ancora capito se la Lega ha ritirato i suoi ministri o meno)». Al massimo, dicono ancora i parlamentari 5S, «sono stati scoperti dall'Ispettorato Nazionale del Lavoro 185 lavoratori in nero che percepivano il reddito senza averne diritto» su 922mila domande accolte su oltre 1,4 milioni, secondo gli ultimi dati Inps al 31 luglio.

Garavaglia, peraltro, non si limita ad annunciare l'intenzione di mettere mano al Reddito in caso di nuovo governo a trazione leghista, ma assicura anche che bloccare i rincari dell'Iva non sarebbe un problema, nemmeno se la nascita di un nuovo esecutivo dovesse andare per le lunghe. In caso di emergenza sarebbe infatti «già pronto un banale decreto al Mef» per spostare almeno di un paio di mesi l'entrata in vigore degli aumenti dell'aliquota ordinaria dal 22% al 25,2% e di quella agevolata dal 10% al 13%. Al Tesoro non risulta che ci sia un provvedimento «già lì confezionato», come dice Garavaglia, ma certo, sarebbe una cosa fattibile rapidamente se ce ne fosse bisogno. Il problema sarebbe sempre quello delle coperture, circa 2 miliardi al mese, quindi 3,8-4 per spostare i rincari da gennaio a marzo ad esempio. Dalle verifiche già fatte, spiegano però i leghisti, a dare una mano ci sarebbero le minori spese, in particolare per Quota 100, che già ci saranno quest'anno e che si trascineranno sul 2020.
 

Ultimo aggiornamento: 19:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma