Roma, caos asili: «Sette strutture chiuse a settembre»

Venerdì 12 Luglio 2019

«Il municipio XI ha comunicato che per tutto il mese di settembre sette asili nido del territorio rimarranno chiusi per lavori strutturali. Si tratta di interventi programmati, non straordinari o di somma urgenza, questo rende ancora più assurda la vicenda. I cittadini sono allarmati». Così Maurizio Veloccia, della direzione del Pd romano, già presidente e poi capogruppo d'opposizione al parlamentino del Portuense, denuncia il disservizio e avverte che se non ci sarà «un rapido ripensamento» da parte dell'amministrazione «denunceremo alla magistratura l'interruzione di pubblico servizio».

Un avviso sul sito del Comune informa i genitori che per l'anno scolastico 2019-20 gli asili nido «Bussola d'orò in via del Trullo, Chiaramonti in via dei Chiaramonti, Coccole e colorì via Montalcini, Fantasia in via Giovanni Volpato, Idea via Lamporecchio, Mais e girasole in via Castiglion Fibocchi, Aquilone blu in via Brunacci 42 apriranno lunedì 30 settembre». Motivo? «Lavori di adeguamento antincendio», precisa ancora l'avviso. Il municipio XI è commissariato dal 9 aprile scorso, quando l'Aula ha votato la sfiducia all'ex presidente grillino Mario Torelli, scelto comunque dalla sindaca Raggi come suo delegato fino a prossime elezioni.

«Era possibile programmare in modo differente l'esecuzione dei lavori visto che molti dei nidi interessati sono stati chiusi anche anticipatamente a giugno? - domanda Veloccia - In 60 giorni, se si vuole, si può ristrutturare completamente una scuola, come è avvenuto ad esempio per il plesso Sciascia solo pochi anni fa. Ora in questo municipio è possibile non riuscire in 90 giorni a fare degli adeguamenti? Quanti operai lavorano in cantiere? Per quanti giorni la settimana? Ad agosto lavoreranno?». In via San Marcello Pistoiese, aggiunge Veloccia «esiste una struttura scolastica che da oltre un anno aspetta di essere aperta. La scuola di Corviale deve essere completata da oltre due anni: è un anno e mezzo che la commissione di gara non apre le buste per affidare i lavori». Come se non bastasse, osserva ancora Veloccia, «il Comune blocca i lavori al plesso di via Pensuti perché per una svista contabile definanzia l'opera e attende due anni per rifinanziarla».

«Di fronte a tutto questo - attacca Veloccia - non è più sostenibile accettare una amministrazione così sciatta ed incapace. Abbiamo fatto avanzare agli uffici delle proposte alternative, per garantire il diritto all'utenza di frequentare a settembre gli asili nido, senza alcun esito. L'incapacità di questa amministrazione ha prodotto la sfiducia al presidente Torelli e lo scioglimento del Consiglio municipale». «Speravamo - rileva Veloccia - che la Sindaca Raggi assumendo direttamente la responsabilità del municipio riservasse al nostro territorio una maggiore attenzione. La situazione è invece immutata ed il 'delegato fantasmà Torelli continua solo a produrre disastri». «È del tutto evidente - conclude Veloccia - che in assenza di un ripensamento dell'amministrazione, l'interruzione dell'attività scolastica programmata, contemporanea, prolungata e senza alternativa in sette nidi si configura come un reato di interruzione di pubblico servizio che provvederemo a denunciare». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma