MIGRANTI

Sea Watch forza il blocco ed entra in acque italiane: cosa succederà secondo il decreto sicurezza

Mercoledì 26 Giugno 2019
14

La Sea Watch entra nelle acque italiane: per la prima volta scattano quindi contro una ong le misure contenute nel decreto sicurezza bis fortemente voluto dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini, proprio per contrastare in modo più efficace l'attività delle navi umanitarie. Sono i primi due articoli, in particolare, ad introdurre alcune novità.

LEGGI ANCHE Sea Watch arriva a Lampedusa: forzato il blocco. Carabinieri sul molo. Salvini: «Atto ostile, intervenga Olanda»
Sea Watch, Zingaretti scrive a Conte: «Quello di Salvini, un teatrino osceno»

Il primo assegna al ministero dell'Interno il potere di «limitare o vietare l'ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale, salvo che si tratti di naviglio militare o di navi in servizio governativo non commerciale, per motivi di ordine e sicurezza pubblica» oppure quando si concretizzano le condizioni previste dalla Convenzione Onu sul diritto del mare riguardo al «passaggio non inoffensivo» di una nave perchè fa «il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero». Nel caso della Sea Watch, l'alt all'ingresso nelle acque italiane è stato intimato da una motovedetta della Guardia di finanza. Se il divieto di ingresso non viene rispettato - come oggi per la Sea Watch - scatta l'articolo 2 del dl che applica al comandante e, «ove possibile, all'armatore e al proprietario della nave», la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 10.000 a 50.000 euro. In caso di reiterazione commessa con la stessa nave, si applica anche «la sanzione accessoria della confisca della nave, procedendo immediatamente a sequestro cautelare». All'irrogazione delle sanzioni, «accertate dagli organi addetti al controllo, provvede il prefetto territorialmente competente». Cioè quello di Agrigento per la Sea Watch. 
 

Ultimo aggiornamento: 20:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma