ROMA

Roma, calvario burocrazia: efficenza negata. Odissea carta d’identità: «Ripassi tra 4 mesi»

Mercoledì 26 Giugno 2019 di Lorenzo De Cicco Mauro Evangelisti
36
Roma, calvario burocrazia: efficenza negata. Odissea carta d’identità: «Ripassi tra 4 mesi»

Ci si mette di più a fare una crociera intorno al mondo che a ottenere una carta d’identità a Roma: anche quattro mesi e mezzo d’attesa per un’operazione che fino a pochi anni fa richiedeva al massimo una mezza giornata in fila allo sportello, con un po’ di pazienza. Ora invece di giorni ce ne vogliono pure 138, come all’ufficio di via Tommaso Fortifiocca, all’Appio Tuscolano, o 134, agli sportelli di largo Capelvenere ad Acilia, il distretto di Ostia. L’Anagrafe della Capitale è andata in tilt, rallentata oltre ogni aspettativa da un sistema informatico che avrebbe dovuto snellire l’iter e invece ha sortito l’effetto opposto, fino a diventare il simbolo della burocrazia limacciosa del Comune. Burocrazia che trasforma procedure ordinarie in trafile dai tempi inverosimili. Sugli appalti - quasi tre anni per assegnare una gara per pulire i tombini - come sui permessi che chiedono i negozianti per cambiare un’insegna (3 mesi di media, ha contato Confesercenti) o per far spostare un cassonetto (anche un semestre per avere una risposta).

Municipalizzate, profondo rosso: pagano i romani La mappa

Disfatta Ama, senza bilanci nonostante il tesoro Tari
 


I DOCUMENTI
Dal 2016 a oggi sono esplosi i tempi d’attesa per rinnovare la carta d’identità. Dalla fine del 2015 tutta la procedura per prenotarsi all’Anagrafe è online, ma i guai sono arrivati con l’arrivo della carta d’identità elettronica, che a Roma viene rilasciata dal novembre 2016. La “macchina” della Capitale si è fatta trovare impreparata. Pochi terminali e sportelli aperti il pomeriggio solo due giorni a settimana (il martedì e il giovedì), mentre la vecchia giunta Marino addirittura propose di aprirli il sabato mattina. Risultato: barricate dei sindacati, niente di fatto. E così proseguono i disagi. Non ha cambiato molto le cose il fatto che a gestire la procedura, da un anno, sia un sito diverso, il portale unico del Viminale. In alcuni municipi tocca aspettare fino a novembre, per vedersi rinnovato un documento. In altri ottobre. In 15 sedi anagrafiche su 38 ieri addirittura non erano disponibili appuntamenti. Tutto intasato. Virginia Raggi lo sa, tanto che a febbraio ha cambiato l’assessore all’Anagrafe, per correre ai ripari. 

GLI APPALTI
Viaggiano al ralenti anche gli appalti. Ci sono lavori previsti per il Giubileo del 2015 mai partiti. Per aggiudicare la «manutenzione ordinaria delle caditoie della grande viabilità» ci sono voluti 32 mesi. Per pulire e risistemare i tombini. La delibera comunale è del 21 ottobre 2016, la determina che fa partire l’appalto è del 25 luglio 2018 e l’aggiudicazione definitiva è stata pubblicata solo la settimana scorsa, il 18 giugno. Per le potature degli alberi si è dovuto aspettare 26 mesi.

Per una commessa banale come quella per la «manutenzione ordinaria e il pronto intervento sulle strade della grande viabilità» il Comune ci ha messo dai 5 ai 7 mesi. E in questo caso non si trattava nemmeno di un bando di gara, era una procedura negoziata, molto più breve, in teoria. E l’appalto per completare una scuola a Corviale? L’atto di avvio della gara è del 5 gennaio 2018. A oggi, 17 mesi dopo, la commessa non è stata nemmeno aggiudicata. I lavori sulla Circonvallazione Nomentana? Via all’appalto il 4 gennaio 2018, aggiudicazione il 21 dicembre. Quasi dodici mesi dopo. I marciapiedi di piazza dei Re di Roma? Senza nemmeno fare un bando, ci sono voluti 7 mesi solo per chiudere la trafila delle autorizzazioni.

IL COMMERCIO
Altro settore in sofferenza, in tema di burocrazia lumaca, è quello di negozi e locali che spesso pagano la disorganizzazione dei municipi. Se da una parte c’è la piaga del tavolino selvaggio, alimentata anche dai controlli scarsi, dall’altra spuntano ostacoli per chi vuole rispettare le regole. In media, anche se il dato cambia da municipio a municipio, per il rilascio dell’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico si possono aspettare «dai due ai sei mesi», stima Confesercenti. Altro esempio: per il via libera a un’insegna si devono aspettare anche tre mesi, mentre vi sono casi limite come quello di un bar che ha chiesto di spostare i cassonetti davanti all’entrata e ha atteso sei mesi per una risposta. Claudio Pica, presidente di Fiepet Confesercenti, racconta che a volte non è solo un problema di cattiva organizzazione e uffici sguarniti, ma anche di preparazione del personale: «Per aprire una gelateria nei pressi di Campo de’ Fiori il titolare ha chiesto chiarimenti sull’applicazione di una delibera, ricevendo risposte discordanti. Prima gli hanno detto sì, dopo 40 giorni gli hanno comunicato che doveva chiudere, dopo sei mesi hanno accertato che aveva ragione e ha riaperto. Così è difficile lavorare». Tanti romani protestano. Nel 2018 al Sistema unico di segnalazione del Campidoglio sono arrivati 38.960 reclami. Ma il Comune, in un caso su quattro, non è nemmeno riuscito a rispondere.

Ultimo aggiornamento: 19:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma