Il prezzo del petrolio crolla
sotto i 60 dollari a barile

Giovedì 23 Maggio 2019
barili di petrolio
Prezzi del petrolio a picco sulla scia delle preoccupazioni per la guerra commerciale tra Stati Uniti che peserà sulla crescita economica globale. A New York il contratto giugno sta perdendo il 5,3% a 58,14 dollari al barile dopo essere sceso fino a 57,94 dollari, minimi di giornata. È la prima volta da marzo che i prezzi scendono sotto i
60 dollari.
Secondo i dati diffusi dall'Energy Information Administration, le scorte di greggio negli Stati Uniti sono aumentate fino a 4,7 milioni di barili la scorsa settimana, contro le aspettative di un calo di circa 600.000 barili. L'aumento delle scorte commerciali è dovuto alle vendite programmate delle riserve strategiche di petrolio (Spr) degli Stati Uniti sul mercato commerciale.

Intanto, con la scadenza a inizio maggio dell'esenzione dalle sanzioni Usa, la Turchia ha smesso di importare il petrolio dall'Iran. Lo ha riferito un funzionario della delegazione turca in visita negli Stati Uniti nell'ambito
dei colloqui bilaterali condotti in questi giorni dal viceministro degli Esteri Yavuz Selim Kiran. Lo stop all'acquisto del greggio di Teheran, che costituiva uno dei principali mercati energetici per Ankara, è avvenuto per «rispetto» della decisione americana e agendo «come alleato strategico», anche se il governo turco ha ripetutamente espresso
la sua contrarietà alle sanzioni e mantiene un dialogo con la Repubblica islamica per cercare di proseguire gli scambi. Per sostituire il petrolio iraniano, Ankara potrebbe rivolgersi principalmente a Iraq, Russia e Kazakistan. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma